Attualità

Risarcimento per under 60 vaccinati con AstraZeneca: class action del Codacons

vaccino covid
Risarcimento AstraZeneca per gli under 60 che hanno già ricevuto una o due dosi del vaccino anglosvedese. Il Codacons invita i cittadini a compilare la diffida.

Lo stop al vaccino AstraZeneca per gli under 60 in piena campagna vaccinale è tra le “cause” del rallentamento delle vaccinazioni. Di recente, l’Aifa ha dato l’ok al mix di vaccini per chi aveva già ricevuto quello di Oxford e l’EMA ha ribadito che il vaccino AstraZeneca è valido per tutti. Tuttavia, la decisione non basta per placare lo stupore dei tanti cittadini che hanno già ricevuto la prima o la seconda dose e che vivono adesso l’ennesimo “stop” al siero. Per questo Codacons lancia una diffida e invita  gli under 60 interessati a chiedere un risarcimento che può arrivare fino a 10mila euro.

Le indicazioni dell’Aifa sull’utilizzo del vaccino Astrazeneca nel corso del tempo sono cambiate più volte – si legge sul sito del Codacons a iniziale motivazione della diffida –: dapprima veniva autorizzato solo per soggetti fruitori fino a 55 anni, poi sospeso in attesa del parere dell’Ema – European Medicines Agency – dopo alcuni episodi di trombosi, quindi raccomandato per gli over 60″.

Successivamente, come noto, i diversi cambi di rotta. Il vaccino è stato utilizzato anche per la popolazione più giovane e in alcuni casi, come in Sicilia, si era proposto l’uso delle dosi rimaste anche per gli over 18. Almeno fino allo stop, dopo alcuni casi di cronaca, all’utilizzo del vaccino AstraZeneca per chi ha meno di 60 anni. Per questa ragione, Codacons invita i cittadini a compilare una diffida e chiedere i risarcimenti per danni. Tre le fattispecie di danni previste dalla diffida, come si legge sul sito dell’associazone. Nello specifico:

  • Il risarcimento del danno non patrimoniale causato dalla paura di ammalarsi per avere ricevuto la somministrazione del vaccino Astrazeneca autorizzato dalle competenti autorità Italiane: trattasi di danno ormai riconosciuto dalla Giurisprudenza da svariati anni in particolare a seguito del noto “caso Seveso” del 1976 […]. Tale danno potrà forfettariamente quantificarsi nella misura di euro 10.000.
  • Il risarcimento del danno non patrimoniale-biologico, danno permanente o temporaneo, anche in termini di danno differenziale, riportato per essere stato sottoposto alla vaccinazione Astrazeneca, con riserva di indicazione e quantificazione specifica.
  • L’indennizzo previsto dalla Legge 201/92 a carico dello Stato per essere stato sottoposto a vaccinazione da cui è derivala la menomazione psicofisica permanente da valutarsi e quantificarsi nel prosieguo (da indicare qualora sussistente).

Per scaricare e compilare la diffida, basta recarsi sul sito del Codacons al seguente indirizzo: https://codacons.it/astrazeneca-diffida/.