Lavoro, stage ed opportunità

Ministero della Giustizia, concorso per diplomati: assunzioni a tempo indeterminato

Ministero della Giustizia
Ministero della Giustizia: nuovo allettante bando. Si assume a tempo indeterminato e con il solo diploma: di seguito tutti i dettagli su prove e requisiti.

Ministero della Giustizia: nuovo interessante concorso, aperto anche a chi è in possesso del solo diploma. Con il nuovo bando, reso pubblico all’interno della Gazzetta Ufficiale del 29 marzo 2022, si punta alla copertura di ben 233 assistenti tecnici. Di seguito tutte le più importanti informazioni sulla nuova interessante procedura concorsuale.


Ministero della Giustizia, concorsi per 5410 posti: anche per diplomati

 Concorso INPS senza diploma: bando per 3000 posti


Concorso Ministero della Giustizia: i posti a bando

Si ricercano, più in particolare, 233 assistenti tecnici, da inquadrare nella II area funzionale e con fascia retributiva F2: gli assunti verranno impiegati presso il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. I più saranno lieti di sapere che gli impieghi sono a tempo indeterminato.

Il personale reclutato lavorerà presso il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. I posti messi a bando sono così suddivisi:

  • 50 posti come assistente tecnico edile;
  • 48 posti come assistente tecnico-elettronico;
  • 50 posti come assistente tecnico elettrotecnico;
  • 49 posti come assistente tecnico-meccanico;
  • 6 posti come assistente tecnico-agrario.

I requisiti richiesti

Le buone notizie non sono finite qui: come già anticipato, per questo concorso Ministero della Giustizia non sarà necessario aver ottenuto una laurea. Al contrario basterà aver conseguito un diploma di istruzione secondaria di secondo grado: il titolo richiesto, ad ogni modo, varia a seconda della figura ricercata. In particolare:

  • per il codice concorso TE01 è richiesto il diploma di geometra, ora diploma d’istituto tecnico – “Costruzioni, ambiente e territorio”, ovvero titoli equiparati ed equipollenti;
  • per il codice concorso TE02 è richiesto il diploma d’istituto tecnico, settore tecnologico – indirizzo elettronico, ovvero titoli equiparati ed equipollenti;
  • per il codice concorso TE03  è richiesto il diploma d’istituto tecnico, settore tecnologico – indirizzo elettrotecnico, ovvero titoli equiparati ed equipollenti;
  • per il codice concorso TM04 è richiesto il diploma d’istituto tecnico, settore tecnologico – indirizzo meccanico, ovvero titoli equiparati ed equipollenti;
  • per il codice concorso TA05, infine, è richiesto il diploma di perito agrario, ora diploma d’istituto tecnico – “Agraria, agroalimentare e agroindustria” – ovvero titoli equiparati ed equipollenti.

Tra gli altri requisiti, spiccano:

  • godimento dei diritti civili e politici;
  • idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni di assistente tecnico.

Non sono previsti limiti d’età. Per conoscere tutti i requisiti si rimanda alla lettura del testo integrale del bando.

Le prove

La procedura conta diverse fasi. In particolare, nel bando si menziona in prima battuta una prova preselettiva comune a tutti i settori, che fisserà una soglia di sbarramento e consisterà in un questionario a risposta multipla.

Seguiranno:

  1. una prova scritta, comune a tutti i settori;
  2. una prova orale.

Come presentare domanda

La domanda di partecipazione andrà inviata, esclusivamente in forma telematica, compilando un apposito FORM sul sito del Ministero della Giustizia. Sarà necessario indicare il profilo per cui si concorre.

La data indicata in Gazzetta Ufficiale per la scadenza del bando è quella del 28 aprile 2022.

Per ulteriori informazioni su prove e modalità di partecipazione, si consiglia ancora una volta di consultare il testo integrale del bando.