Lavoro, stage ed opportunità

Concorso Polizia di Stato per 1.300 allievi Agenti: le modalità

concorso polizia di stato
Concorso Polizia di Stato: prevista l'assunzione di nuovi allievi agenti per il biennio 2022-2023. Ecco dettagli e modalità di reclutamento.

È in arrivo il concorso Polizia di Stato 2022 approvato dal dell’ultimo decreto sostegni. Si potranno assumere fino a 1.300 unità da ricoprire nel ruolo di allievi agenti della Polizia. Ecco nel dettaglio informazioni sui posti e sulle modalità di reclutamento.

Assunzioni concorso Polizia di Stato

L’articolo 29-bis del decreto sostegni, convertito in legge ha previsto l’assunzione di allievi agenti nella Polizia di Stato per il 2022 e 2023. Di 1.300 posti messi a disposizione, 600 unità saranno assunte per l’anno in corso, mentre le restanti 700 unità per il prossimo anno. Prima di procedere, l’Amministrazione della pubblica sicurezza dovrà individuare le cessazioni di personale tra il 2021 e il 2022.

Non è previsto un nuovo concorso, ma si farà ricorso all’elenco degli idonei alla prova scritta del concorso pubblico per 893 allievi agenti della Polizia di Stato 2017, il cui bando è stato pubblicato nella  Gazzetta Ufficiale del 26 maggio 2017. Tuttavia ci sarà un apposito bando di selezione, per partecipare al quale occorrerà presentare apposita domanda.

Le modalità di reclutamento

Il reclutamento avverrà sulla base della votazione pari o superiore a quella minima conseguita dagli allievi agenti già assunti tramite lo scorrimento della graduatoria del medesimo concorso, secondo l’ordine decrescente del voto conseguito. Conseguentemente, i canditati dovranno risultare idonei anche negli accertamenti dell’efficienza fisica, psicofisici e attitudinali.

Saranno presi a sostenere le prove 4.260 unità, ma per partecipare occorrerà fare domanda entro i termini stabiliti dall’apposito avviso di reclutamento che sarà pubblicato dalla Polizia di Stato.

Formazione

L’assunzione del ruolo avverrà al termine di uno o più corsi di formazione, articolati in un primo periodo finalizzato alla nomina ad agente in prova della durata di 6 mesi, e un secondo periodo finalizzato al completamento del periodo di formazione presso gli istituti di istruzione e all’applicazione pratica presso reparti o uffici della Polizia di Stato, la cui durata sarà stabilita dal Capo della Polizia.

La posizione in ruolo dei soggetti da assumere sarà determinato dai punteggi ottenuti nella prova scritta della procedura concorsuale espletata e al termine del corso di formazione.

 Concorso Vigili del Fuoco: bando per 300 posti