Attualità

Arrivano le stelle cadenti di San Lorenzo: quando osservare le Perseidi

stelle cadenti
Arrivano le notti più attese dell'anno, caratterizzate da cieli limpidi, luminosi e pieni di stelle cadenti. Ma cosa sono questi corpi celesti che osserviamo ogni anno? E quando e dove è possibile vedere al meglio questo spettacolo?

Iniziano le notti più belle dell’estate: quelle in cui il cielo diventa più limpido e passare la notte ad osservarlo diviene inevitabile. Una delle settimane più attese dell’anno ha inizio, caratterizzata, per il 2021, dalla presenza di San Lorenzo e di Ferragosto all’interno degli stessi sette giorni. Come non perdersi gli attesissimi avvenimenti astronomici caratterizzanti questi giorni di agosto?

Le stelle cadenti di San Lorenzo: cosa sono le Perseidi?

Sebbene sia estremamente romantico darsi appuntamento sotto il cielo stellato, alla ricerca di una rapidissima scia di luce tra i miliardi di puntini luminosi ben visibili, vi è una perfetta spiegazione scientifica per l’avvenimento che si verifica ogni anno intorno allo stesso periodo di tempo.

Le “stelle cadenti”, infatti, altro non sono che le Perseidi: uno sciame meteorico, “figlio” di ciò che rimane delle orbite della cometa Swift Tuttle, scoperta a metà del 1800 e il cui prossimo perielio (ovvero la distanza più piccola tra la Terra e il corpo celeste) è previsto per il 2126.

Normalmente, il momento di miglior osservazione delle Perseidi è fissato al 10 agosto: non è raro, però, col passare degli anni, che questo periodo si vada spostando e, di conseguenza, sia difficile vedere una stella cadente la notte di San Lorenzo.

Quando e dove osservare le Perseidi?

Il consiglio degli astronomi, dunque, è quello di recarsi ad osservare le stelle cadenti non tanto il 10 agosto, quanto qualche giorno più avanti: a causa delle variazioni orbitali, il picco massimo di caduta quest’anno potrebbe verificarsi nella notte tra il 12 e il 13 agosto, momento nel quale si potrebbero osservare fino a un centinaio di meteore all’ora, picco che poi andrà ad abbassarsi sempre di più a partire dall’alba del 13 agosto.

Dove osservarle al meglio? L’ideale è optare per un luogo inquinato al minimo dalle luci della città: un luogo in campagna, o ancora la spiaggia o l’ambiente montano, dove più si sale più si è vicini al cielo e meno all’inquinamento luminoso prodotto dai centri abitati. Nel Catanese, ad esempio, uno dei luoghi favoriti è senza dubbio l’Etna: non a caso, sono diversi gli eventi che vengono organizzati per permettere di godersi al meglio (e in sicurezza) lo spettacolo delle stelle cadenti.

E se non si dovessero riuscire ad osservare le Perseidi? Non v’è da preoccuparsi: il cielo di Agosto, astronomicamente parlando, sarà pieno fino alla fine del mese di meravigliosi eventi da osservare, compresi altri sciami meteorici. Si fa riferimento, in questo caso, alle Sud Delta Aquaridi e alle Aquilidi: sebbene il picco di caduta sia stato già raggiunto alla fine di luglio, con una minor incidenza sarà comunque possibile vedere di sfuggita, almeno fino al sorgere della Luna, qualcuna di queste meteore.