Catania

Etna, ancora un parossismo: colonna di cenere alta 6500 metri

Credits: Boris Behncke
Ancora un parossismo nella serata di ieri. Colonna eruttiva e ricaduta di cenere sui comuni etnei e sull'aeroporto di Catania.

Continua l’attività eruttiva a intermittenza dell’Etna. Nella giornata di ieri il vulcano ha dato vita all’ennesimo episodio parossistico, con fontane di lava e colonne di cenere, con ricadute anche sullo scalo aeroportuale.

Intorno alle 11 di ieri l’INGV comunicava l’abbassamento del tremore vulcanico e l’assenza di attività esplosiva dal Cratere di Sud-Est. Quasi a voler smentire l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, appena poche ore più tardi lo stesso cratere ha generato una nuova fontana di lava, che ha prodotto una  colonna eruttiva di circa 6500 metri sul livello del mare.

La nube, diretta verso sud-est, ha generato una ricaduta di cenere sui comuni pedemontani e sull’aeroporto di Catania, che nella serata di ieri ha emesso un comunicato su possibili ritardi e disagi ai voli in programma. In mattinata, tuttavia, la situazione sembra essere tornata regolare e lo stesso scalo etneo ha comunicato l’assenza di problemi ai voli.

Rimani aggiornato

Università di Catania