Attualità

Arriva la Superluna di sangue: sarà la più grande del 2021

superluna 26 maggio 2021
Arriva la Superluna di sangue: sarà la più grande del 2021 e c'è grande attesa per vederla. Questo evento sarà infatti visibile ad occhio nudo.

Nella notte tra il 25 e il 26 maggio arriverà la Superluna. L’evento avrà luogo esattamente alle ore 3:52, dunque nelle prime ore di giorno 26. Mentre, la luna piena sarà visibile alle ore 13:52 del 26 maggio. La Superluna è  condizione in cui la luna, ad occhio nudo, appare più grande grazie ad alcune condizioni che sono nel cielo. Questa luna sarà la più grande delle quattro che ci saranno nel 2021.


Eclissi di Superluna: la diretta dello spettacolo [VIDEO]


Cosa significa Superluna?

Tale termine è stato coniato dall’astrologo Richard Nolle nel 1979 per quello non è ben visto dalla comunità scientifica, infatti gli astronomi preferiscono riferirsi al fenomeno con la meno abbordabile coppia di termini “perigeo-syzygy”. Il primo termine indica il periodo in cui la Luna si trova più vicina alla Terra, il termine “sygyzy” viene invece usato per indicare l’allineamento di tre corpi celesti appartenenti a un medesimo sistema gravitazionale.

Perché si verifica tale evento?

La superluna si ha quando il nostro satellite si trova nella fase di plenilunio, ovvero della luna piena, e nello stesso tempo nel punto più vicino alla Terra, il perigeo. In questa occasione la luna sarà un po’ più grande, 10-12%, del normale e quindi la sua luminosità sarà maggiore del 16% in più. 

Eclissi totale di luna

Ma non è ancora tutto: in coincidenza fra luna piena e perigeo si aggiunge nella stessa data del 26 un’eclissi totale di luna anzi di Superluna, che le regalerà un colore rossastro. L’eclissi è visibile però soltanto dall’altra parte del mondo in America del Nord, in una piccola parte a Sud-Ovest dell’America del Sud, in Australia e nell’Asia sudorientale. Dunque in Italia e in Europa, tale evento non sarà visibile.

La luna si tingerà di rosso, a tal proposito si parla di Superluna di sangue. La tonalità dipende dalla quantità di polvere terrestre che c’è nell’atmosfera e che blocca le onde di luce blu a frequenza più alta, consentendo tuttavia alla luce rossa di lunghezza d’onda più lunga di brillare.

Rimani aggiornato