Catania

Etna: torna neve a bassa quota e prosegue monitoraggio INGV [FOTO]

Il maltempo degli ultimi giorni ha regalato un nuovo e spettacolare manto bianco al vulcano. Proseguono senza sosta le abbondanti nevicate in quota. Intanto, nonostante l'emergenza sanitaria, l'INGV continua il monitoraggio dell'attività eruttiva.

Continua la copiosa nevicata che sta imbiancando l’Etna e le sue pendici. Complice il maltempo persistente, i fiocchi di neve continuano a cadere da diverse ore. La strada provinciale 92, che collega i centri abitati con il Rifugio Sapienza, è impercorribile a causa dell’alto manto nevoso. I mezzi spazzaneve, a causa dell’emergenza sanitaria, non sono ancora usciti dai depositi.

La pandemia di Coronavirus non ferma gli appassionati, che hanno richiesto in massa le prenotazioni per la prima data utile dopo la fine della diffusione del contagio.

Intanto, non si ferma il lavoro dei vulcanologi della sezione catanese dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Nei giorni scorsi, muniti di una telecamera termica, gli scienziati hanno effettuato un sopralluogo per individuare con precisione la posizione dei flussi lavici maggiormente alimentati.

Il Cratere Voragine, in attività dallo scorso 12 settembre 2019 dopo tre anni di pausa, ha edificato alcuni piccoli coni piroclastici coalescenti; dalle loro basi emergono alcuni piccoli flussi lavici che si riversano nel vicino cratere Bocca Nuova, riempiendolo dal fondo.