Ingliando

INGLIANDO – Do you like “to like”? Come usare il verbo to like

Like

Un verbo usatissimo che a volte crea qualche problema è il verbo to like. Questo problema nasce fondamentalmente nella traduzione in quanto si traduce con il verbo italiano piacere che fa un ottimo lavoro come traduzione ma non rispecchia le caratteristiche grammaticali del verbo to like in inglese. Il verbo italiano piacere è intransitivo e ha la caratteristica che la cosa che piace è il soggetto della frase e la persona a cui piace è il complemento. Il verbo inglese to like invece è transitivo e ha come soggetto la persona a cui piace la cosa e come complemento la cosa che piace: esattamente l’opposto!

  • Mi piace il cioccolato. ~ I like chocolate.
  • Non gli piacciono le scarpe nuove di Anne. ~ He doesn’t like Anne’s new shoes.

È ancora più problematico quando si tratta di solo pronomi:

  • Ti piaccio? ~ Do you like me?
  • Lui le piace? ~ Does she like him?

Cerchiamo di evitare il problema con questo trucco:

Tradurre con piacere ma costruire come amare:

  • Mi piace il cioccolato. ➙ Io amo il cioccolato. ➙ I like chocolate.
  • Non gli piacciono le scarpe nuove di Anne. ➙ Lui non ama le scarpe nuove di Anne. ➙ He doesn’t like Anne’s new shoes.
  • Ti piaccio ➙ Tu ami me? ➙ Do you like me?
  • Lui le piace ➙ Lei ama lui? ➙ Does she like him?


Dunque, risolto questo piccolo problema (spero), passiamo al problema di to like quando è abbinato a un altro verbo. In questo caso il verbo to like può essere seguito o da un gerundio o da un infinito. A volte c’è effettivamente poca differenza e si può scegliere liberamente, ma in realtà una differenza esiste:

To like seguito da un gerundio in inglese esprime molto meglio l’abbinamento tra il piacere e la pratica, l’abitudine:

  • I like swimming in the summer. ~ Mi piace nuotare in estate (e lo faccio regolarmente).
  • I like to swim in the summer. ~ Mi piace nuotare in estate (mi piace e capita che lo faccio qualche volta).

La differenza è sottile, è vero, e spesso di poco rilevanza, ma quando si usa to like per parlare dei propri passatempi e abitudini (cosa che capita spesso) è sicuramente meglio utilizzare il gerundio piuttosto che l’infinito.

Attenzione però: in inglese si può usare il verbo to like anche per una cosa che non piace necessariamente e che è più un dovere che un piacere. In questo caso utilizziamo sempre l’infinito:

  • I like to go to the dentist twice a year. ~ Mi piace (lo ritengo sensato) andare dal dentista due volte al anno.
  • She likes to help us when she can. ~ A lei piace (lo ritiene giusto) aiutarci quando può.

Esistono anche le espressioni to be like (carattere) e to look like (somiglianza fisica):

  • He is like his brother. ~ Lui è come suo fratello (ha lo stesso carattere).
  • He looks like his brother. ~ Lui assomiglia a suo fratello (fisicamente).

Distinguiamo dunque:

What is he like? ~ Che carattere ha? (In effetti la domanda è un po’ ambigua in quanto si potrebbe rispondere anche in termini di aspetto fisico).

  • He’s quite nice but very quiet. ~ È abbastanza simpatico ma è molto silenzioso.

What does he look like? ~ Che aspetto ha? (Questa domanda si riferisce esclusivamente all’aspetto fisico).

  • He’s tall and slim with long hair and glasses. ~ È alto e snello con i capelli lunghi e porta gli occhiali.

Dai un’occhiata alle lezioni precedenti di Ingliando su LiveUniCT!


ingliandoTAG

Tony Lawson

Il Prof. Tony Lawson insegna inglese nel Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Catania dal 1987 dove si è specializzato nell’insegnamento ai principianti assoluti e ai falsi principianti e dove ha acquisito parecchia familiarità con i problemi e gli errori tipici di chi lotta quotidianamente nel tentativo di cavarsela con la lingua inglese.

Altro... english, gerundio, infinito, ingliando, learning english, lezioni di inglese, madrelingua, unict, uso verbo like
UNICT – Querelle Statuto: per il Ministero la sentenza è assorbita dalle modifiche deliberate dagli organi d’Ateneo

CGA e Statuto dell'Università di Catania: per il Ministero la sentenza è assorbita dalle modifiche deliberate dagli organi d’Ateneo. Buone...

UNICT – Il sottosegretario del Miur On. Faraone all’Università di Catania

Venerdì 13 marzo il sottosegretario al Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, on. Davide Faraone, sarà in visita all’Università di...

Chiudi