Attualità

Bonus trasporti, mezzo milione di richieste in una settimana: come funziona

Bonus trasporti 2022: quasi mezzo milione di richieste in una settimana. Ecco tutte le info per poterlo richiedere.

Il bonus trasporti 2022 da circa una settimana ha dato il via alle domande. Tuttavia, i richiedenti fino ad ora sono circa mezzo milione. Il contributo consiste nell’erogazione di 60 euro per usufruire dei mezzi di trasporto pubblico sia per studenti che per lavoratori.

A una settimana dall’entrata in vigore della misura, scattata il primo settembre, sono già più di 515 mila i voucher emessi, mentre 1 milione e 200 mila cittadini hanno avuto accesso alla piattaforma dedicata. A certificarlo è il ministero del Lavoro, che parla di “importante risultato, con l’obiettivo di sostenere famiglie, studenti, lavoratori e pensionati in un momento di crisi globale complessa”.

Come funziona il bonus trasporti

Per richiederlo è necessario non superare la soglia di reddito di 35 mila euro. Il bonus si può chiedere per sé stessi o per un beneficiario minorenne a carico tramite un solo accesso al sito bonustrasporti.lavoro.gov.it, che avviene tramite SPID o Carta d’Identità Elettronica (CIE)

La richiesta deve essere presentata sull’apposita piattaforma entro il 31 dicembre e sarà la stessa piattaforma a rilasciare il voucher. Dopo aver ottenuto il voucher, quest’ultimo è spendili presso la società per la quale si intende acquistare un abbonamento.

Sarà valido per un solo abbonamento, mensile oppure annuale. Per questa misura, introdotta e poi rafforzata con i vari decreti aiuti, il governo ha stanziato 180 milioni di euro. Chi non dovesse per riuscire ad accedere al bonus può comunque portare le spese per abbonamenti in dichiarazione dei redditi ed ottenere una detrazione del 19% su un massimo di 250 euro pagati.

Scadenze

Il bonus trasporti è possibile richiederlo fino a dicembre 2022 o comunque fino ad esaurimento fondi. Inoltre, è possibile annullare un bonus già emesso ma non utilizzato e richiedere un’altra emissione nello stesso mese solare. È fondamentale registrarsi sul portale del Ministero, per certificare dell’avvenuto utilizzo del buono ed evitare frodi derivanti dalla richiesta multipla di buoni. Il Ministero rimborserà solo gli importi corrispondenti a buoni il cui utilizzo è stato salvato nel portale ministeriale dedicato. 

 Bonus affitto docenti: cos’è e a chi spetta