Attualità

Mascherine, dal referendum agli esami di maturità: dove sono obbligatorie

Elezioni
Mascherine non più obbligatorie per referendum ed elezioni amministrative del 12 giugno mentre rimane l'obbligo per gli studenti che dovranno svolgere gli esami di maturità. Novità in arrivo dopo il 15 giugno.

La mascherina, mezzo di protezione ormai abituale dal 2020, non è già più obbligatoria in diversi locali pubblici, escluse alcune eccezioni. L’obbligo decade anche per gli elettori che si recheranno alle urne per il referendum e per le elezioni amministrative nei comuni interessati del 12 giugno. Situazione opposta per gli esami di maturità dove permarrà l’obbligo del dispositivo di protezione.

Elezioni 12 giugno

Raccomandate ma non obbligatorie. Così si apprende dalle fonti del governo, in vista del referendum e delle elezioni amministrative in programma il 12 giugno. Il capo del dipartimento per gli Affari interni e territoriali del ministero dell’Interno Claudio Sgaraglia ha diramato una nuova circolare aggiunta al protocollo sanitario e di sicurezza dell’11 maggio 2022 per lo svolgimento delle consultazioni elettorali e referendarie dell’anno 2022.

L’addendum, scaturito dall’attuale situazione epidemiologica, raccomanda comunque l‘uso della mascherina per svolgere le operazioni di voto.

Esami di maturità

Situazione opposta per gli studenti che dovranno affrontare gli esami di maturità: per loro permane l’obbligo della mascherina. Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso del Codacons, dichiarando priva di presupposti  la questione di legittimità costituzionale sollevata dal Codacons sul decreto legge n. 24 del 2022.

La sentenza ha chiarito che l’ordinanza del ministero della salute del 28 aprile 2022, in realtà non prevedeva l’obbligo di mascherine per gli studenti, poi introdotto successivamente. I giudici hanno spiegato che l’eventuale cessazione futura dell’obbligo necessita di un decreto-legge ad-hoc.

Novità dopo il 15 giugno

Giorni contati per le mascherine obbligatorie anche nei luoghi come ancora è necessario il dispositivo di protezione. Così si apprende dalle dichiarazioni di Andrea Costa, sottosegretario alla salute, che afferma: “Il 15 giugno credo che andremo a rimuovere le ultime misure restrittive come le mascherine al chiuso. L‘obiettivo del Governo è sempre stato quello di creare le condizioni per una convivenza con il virus” della Covid-19″.

Tuttavia, l’obbligo potrà essere confermato per quanto riguarda il trasporto pubblico.

“Possiamo liberarci dalla mascherina in questa fase in alcuni contesti — dichiara Franco Locatelli, Presidente del Consiglio superiore di sanità (Css) — credo che vi sarà un orientamento di conferma sul trasporto pubblico, sui treni a lunga percorrenza e forse ma non è detto sugli aerei”.