News Sicilia

Airbnb regala soggiorno di un anno a chi si trasferisce in Sicilia: come candidarsi

Foto di Claudia Zalla
Airbnb propone case gratis per un anno per chiunque avesse voglia di trasferirsi in Sicilia a costo di rispettare alcuni importanti requisiti. Di seguito l'iniziativa.

Soggiorno gratis di un anno a Sambuca di Sicilia: questa è l’iniziativa promossa da Airbnb in una delle case vendute a 1 euro ne borgo che nel 2016 risultò il più bello d’Italia. Tuttavia, Airbnb ha partecipato al bando promosso dall’Amministrazione comunale di Sambuca che con l’operazione “case a 1 euro” ha letteralmente trasformato il comune in provincia di Agrigento in un polo internazionale. Infatti, gli immobili venduti a 1 euro sono 143 a famiglie provenienti da 38 paesi in tutto il mondo. 

Dopo aver preso possesso di una vecchia dimora, Airbnb, l’ha ristrutturata ed è venuta fuori un’elegante abitazione di design. Tuttavia, adesso, Airbnb la mette a disposizione gratuitamente per chiunque voglia trasferirsi in sicilia per un periodo minimo di tre mesi e fino a un anno per un massimo di 4 persone.

I requisiti minimi per poter partecipare al bando messo a disposizione per abitare la casa messa a disposizione gratuitamente da Airbnb sono padronanza della lingua inglese, minimo 18 anni. Le candidature dovranno essere inoltrare sul sito di Airbnb entro il 18 febbraio per poter abitare la casa sul Belvedere a partire da giugno. Un altro requisito richiesto da Airbnb è che una stanza dell’abitazione dovrà essere messa a disposizione su Airbnb e il proprietario potrà trarne i profitti.

“La bellezza di questa iniziativa – spiega Leo Ciaccio, sindaco di Sambuca di Sicilia – consiste nel fatto che offre una nuova vita non solo ad una casa un tempo abbandonata nel cuore del nostro borgo, ma anche alla persona che qui si trasferirà. Siamo alla ricerca di qualcuno che abbia voglia di immergersi nel contesto locale e vivere tutti i momenti importanti della nostra comunità, dalla vendemmia alla raccolta delle olive, dalla visita delle cantine alla festa della Madonna dell’Udienza che si rinnova da oltre quattro secoli”.