Lavoro, stage ed opportunità

Concorso Guardia di Finanza, nuovo bando per allievi: requisiti e dettagli

Concorso Guardia di Finanza
Concorso Guardia di Finanza 2021: in molti cercano informazioni su cosa studiare e su requisiti e scadenze. Ecco le notizie principali in merito al bando.

Concorso Guardia di Finanza 2021: sono diverse le persone interessate a questa opportunità lavorativa. Infatti, si tratta di una importante possibilità per molti: sia per chi ha una passione per questa specifica forza di polizia ad ordinamento militare che per quanti sono alla ricerca di un impiego simile. Il bando è già stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, nell’usuale sezione dedicata ai concorsi.

Secondo quanto riportato nel bando, si tratta di un concorso pubblico per titoli ed esami che mira all’assunzione di 33 unità. Per coloro che hanno ancora dei dubbi in merito, ecco le informazioni principali relativamente a requisiti e scadenze varie. Di seguito anche i suggerimenti su cosa studiare, per arrivare preparati al momento delle selezioni.


Concorsi Sicilia, dalla Protezione Civile alle ASP: tutti i bandi


Concorso Guardia di Finanza requisiti

Come già anticipato, la Guardia di Finanza è alla ricerca di 33 unità da inquadrare come allievi finanzieri del contingente ordinario. Inoltre, la specializzazione delle unità sarà quella del Tecnico di soccorso alpino (S.A.G.F.).

A tal proposito, i requisiti richiesti per poter prendere parte alle selezioni sono i seguenti:

  • età compresa tra 18 e 26 anni;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione ai corsi per il conseguimento della laurea;

Inoltre, i candidati non dovranno:

  • esser stati ammessi a prestare il servizio civile nazionale quali obiettori di coscienze, ovvero abbiano rinunciato a tale status;
  • esser stati imputati, condannati, né con procedimenti penali in corso;
  • trovarsi in condizioni incompatibili con l’acquisizione o la conservazione dello stato giuridico di finanziere;
  •  esser stati destituiti, dispensati, o dichiarati decaduti dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
  •  esser stati dimessi, per motivi disciplinari o per inattitudine alla vita militare, da accademie, scuole o istituti di formazione delle Forze armate o di polizia.

Scadenze e domanda di partecipazione

Il termine per poter presentare domanda è previsto per il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del bando sulla Gazzetta. Infatti, la scadenza riportata è quella del 26 dicembre 2021.

Per chi è interessato a fare domanda, la procedura sarà esclusivamente telematica attraverso il portale ufficiale dei concorsi per la Guardia di Finanza. Inoltre, sarà necessario essere muniti di account di posta elettronica certificata (PEC). Per autenticarsi e potersi registrare al portale, sarà necessario possedere uno SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE (Carta d’Identità Elettronica).

Una volta effettuata la registrazione al portale, i candidati potranno compilare la domanda di partecipazione. Inoltre, in sede di svolgimento di ciascuna prova concorsuale, potrebbe essere richiesto ai candidati di fornire il numero identificativo dell’istanza (“ID istanza”).

Concorso Guardia di Finanza: cosa studiare

Per quanto riguarda le prove di selezione per il concorso citato, ne saranno previste diverse. Infatti, si inizierà con una preselettiva che si svolgerà a partire dal 19 gennaio 2022. La prova consisterà in una questionario composto da 90 domande a risposta multipla, suddivise come segue:

  • n. 35 volte ad accertare le abilita’ logico-matematiche;
  • n. 25 volte ad accertare la conoscenza orto-grammaticale e sintattica della lingua italiana;
  • n. 30 vertenti su argomenti di storia, educazione civica e geografia (n. 10 per ogni materia).

Al superamento della preselettiva sono previste delle prove di efficienza fisica nei seguenti esercizi:

  • prove obbligatorie di salto in alto, corsa piana 1.000 m e
    piegamenti sulle braccia;
  • prova facoltativa di corsa piana 100 m.

Infine, sarà accertata l’idoneità psico-fisica all’impiego, e allo stesso modo sarà valutata l’idoneità attitudinale e del servizio al soccorso alpino dei singoli candidati. In quest’ultimo caso, i candidati sosterranno le seguenti prove per le quali è previsto un solo tentativo:

  • tre prove obbligatorie: marcia in montagna, arrampicata in palestra di roccia e sci alpino in pista.
  • una prova facoltativa: discesa in corda doppia.

Speciale Test Ammissione