News

Vaccini Sicilia, scarseggiano le dosi Pfizer: prenotati respinti e disagi negli hub

vaccino Pfizer
La campagna vaccinale siciliana procede meglio del previsto, ma la scarsità di dosi di vaccino Pfizer rallenta i processi e crea disagio agli Hub dell'Isola.

Procede sempre più spedita la campagna vaccinale in Sicilia. Salgono i numeri e accelera il passo della struttura sanitaria regionale, che punta all’eccellenza e che addirittura fa meglio di quanto previsto dai dettami nazionali.

Non tarda ad arrivare il commento del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci: “Entro settembre potremo dire di avere immunizzato la maggioranza dei siciliani, così da raggiungere la cosiddetta immunità di gregge“, ha affermato durante la visita nell’Hub realizzato nel parcheggio Lumbi di Taormina.

L’Isola si trova, però, a dover affrontare la scarsità di dosi di vaccino Pfizer rimaste, con conseguenti disagi per le strutture e per la popolazione.

C’è un problema di disponibilità di dosi Pfizer e questo sta creando alcuni disagi negli Hub vaccinali. Siamo costretti a rimandare indietro alcune persone. Di questo ce ne scusiamo, ma dal 3 giugno ritornerà tutto alla normalità“.  Queste le parole del commissario per l’emergenza Covid-19 a Catania, Pino Liberti.

Nel caso della città di Palermo, le dosi destinate a chi doveva procedere al primo ciclo vaccinale, sono state, invece, riservate a chi aveva già eseguito la prenotazione per la seconda dose. Il blocco pare inizierà a venir meno in breve tempo. A partire dalla giornata di domani, infatti, è previsto l’arrivo di nuove dosi Pfizer

Nel frattempo, nella giornata di ieri, 42mila vaccini sono stati consegnati da Sda per essere distribuiti in tutte le strutture sanitarie siciliane: 12.500 del tipo AstraZeneca e 29.700 del tipo Moderna. Di questi, 13.000 a Palermo, 6.800 a Milazzo, 1.700 a Enna, 3.000 a Erice, 7.300 a Giarre, 100 a Catania, 2.600 a Siracusa, 2.300 a Ragusa, 3.100 ad Agrigento e 2.300 a Caltanissetta.