Attualità

Sicilia zona gialla da lunedì? Ecco tutte le regole

sicilia zona gialla
Sembra essere quasi definitiva la svolta per la Sicilia: il passaggio alla fascia gialla deve essere solamente ufficializzato.

La Sicilia sembra essere arrivata ad una nuova svolta: entro il pomeriggio dovrebbe arrivare l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, che sancirà l’ingresso della regione in zona gialla. Finalmente dopo due mesi di zona arancione, la Regione dovrebbe ripartire con le prime riaperture proprio in occasione dell’inizio della stagione balneare. I dati epidemiologici stanno migliorando, ma la Sicilia ha ancora un obiettivo: far decollare la campagna vaccinale, ancora tra le peggiori rispetto alle altre regioni italiane.


Sicilia zona gialla, è ufficiale: cosa cambia da lunedì


Sicilia zona gialla: cosa si potrà fare

L’entrata in zona gialla permette gli spostamenti in entrata e in uscita dal territorio; fino al 15 giugno, però, una sola volta al giorno si potrà andare verso un’abitazione privata, con un massimo di 4 persone oltre ai minorenni, nei limiti del coprifuoco che ancora rimane fino alle ore 22.

I negozi sono già aperti, ma con la zona gialla, anche bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie possono riaprire con il consumo al tavolo sia a pranzo che a cena, ma solo negli spazi aperti e nel rispetto delle norme anti-Covid. L’apertura dei locali al chiuso, solo a pranzo, è fissata per l’1 giugno. La ristorazione negli alberghi e nelle strutture ricettive non ha limiti di orario.

Potranno riaprire musei e si potranno vedere gli spettacoli nelle sale teatrali, da concerto, cinema, live club e in altri locali o spazi anche all’aperto. Bisognerà prenotarsi obbligatoriamente  per i posti a sedere, rispettando un metro di distanza tra gli spettatori. Di fatti, la capienza non deve superare il 50% di quella autorizzata: non potranno esserci più di mille spettatori all’aperto e 500 al chiuso. Solo i conviventi potranno sedere vicini.

Ritorna anche lo sport all’aperto, di qualsiasi tipologia, compresi quelli di squadra o di contatto, ma senza l’utilizzo di spazi comuni come gli spogliatoi. Riaprono le piscine solo all’aperto, mentre per le palestra si dovrà aspettare ancora giorno 1 giugno. Rimangono vietate feste private, discoteche e sale da ballo.

La stagione balneare

In vista della nuova stagione balneare, i lidi potranno aprire al pubblico. Ad esempio, a Mondello, in provincia di Palermo, nuovi lavori per l’allestimento delle strutture e la società Italo-Belga sono iniziati, gestendo buona parte del lungomare. Lunedì 17 maggio sarà la data ufficiale dell’inizio della stagione.