Attualità

Coronavirus Sicilia, zona rossa in scadenza in 48 comuni: la situazione

sicilia zona rossa
Coronavirus Sicilia: 48 comuni in attesa della prossima ordinanza regionale, con la quale si stabiliranno le proroghe e le nuove zone rosse.

Sono ore di attesa per i 48 comuni siciliani la cui zona rossa scade alla mezzanotte di oggi, mercoledì 28 aprile. La Regione Siciliana deciderà nelle prossime ore in quali città verrà prorogata la limitazione a spostamenti e aperture e in quali, invece, verrà ripristinata la zona arancione attiva sull’Isola. Tutto dipenderà dalle relazioni che le Asp attive sul territorio forniranno agli uffici della presidenza regionale.

Si attende, in particolare, la decisione su Palermo e provincia. Da alcuni giorni i dati del contagio sembrano diminuiti nel palermitano e anche negli ospedali inizia a diminuire la pressione, dopo tre settimane di zona rossa. L’incidenza attuale sarebbe leggermente diminuita. Nella settimana dal 21 al 27 aprile, l’incidenza dei positivi a livello provinciale, riportata dall’Ufficio Statistica del Comune di Palermo sarebbe di 218,73 ogni 100mila abitanti nell’ultima settimana, inferiore alla soglia prevista per la dichiarazione della zona rossa (superiore a 250 ogni 100mila).

Coronavirus Sicilia: i comuni in zona rossa “in scadenza”

Come riporta il quotidiano La Sicilia, sono 48 i comuni in zona rossa la cui ordinanza scadrà entro mezzanotte di oggi. La maggior parte si trova nel palermitano. Alcuni dei comuni potrebbero passare in zona arancione già da domani. Per altri, invece, potrebbe rendersi necessaria la proroga tramite ordinanza regionale almeno per un altra settimana. Vediamo quali sono provincia per provincia:

  • 23 comuni in zona rossa nella Città metropolitana di Palermo: Palermo, Alimena, Bagheria, Baucina, Belmonte Mezzagno, Borgetto, Carini, Casteldaccia, Cinisi, Giardinello, Giuliana, Lascari, Mezzojuso, Misilmeri, Monreale, Partinico, Piana degli Albanesi, San Cipirello, Santa Cristina Gela, Torretta, Termini Imerese, Villabate e Villafrati.
  • 7 comuni nella Città metropolitana di Catania: Ramacca, Zafferana Etnea, Sant’Alfio, Acireale, Aci Castello, Adrano, Biancavilla.
  • 5 comuni in provincia di Agrigento: Favara, canicattì, Lampedusa-Linosa, Palma di Montechiaro e Cattolica Eraclea.
  • 5 comuni in provincia di Caltanissetta: Acquaviva Platani, Niscemi, Mussomeli, Marianopoli, Restuttano.
  • 4 comuni in provincia di Enna: Catenanuova, Cerami, Centuripe e Pietraperzia.
  • 2 comuni nella città metropolitana di Messina: Giardini Naxos e Mistretta.
  • 2 comuni in provincia di Siracusa: Lentini e Carlentini.

Coronavirus Sicilia, 24 proroghe e 3 nuove zone rosse: Palermo torna arancione


Coronavirus Sicilia: possibile passaggio in zona gialla?

Oltre all’ordinanza regionale di Musumeci, si attende anche il monitoraggio settimanale dell’Iss e del Ministero della Salute. In Sicilia i dati del Coronavirus sono in calo da qualche giorno. L’ultimo bollettino, in attesa di quello odierno, riporta meno di 1000 casi giornalieri e un tasso di positività in diminuzione.

Se questi dati si confermassero anche nel corso della settimana, la Sicilia potrebbe sperare di passare in zona gialla già da lunedì prossimo. Tuttavia, è ancora presto per fare previsioni. Malgrado i dati in diminuzione, la pressione sugli ospedali, specie nel palermitano, continua a essere alta. E, se i contagi si abbassano, resta ancora alto il numero dei decessi: 33 nella sola giornata di ieri.

Allo stesso tempo, la Sicilia continua a registrare numeri bassi per le vaccinazioni, ma in progressiva risalita grazie a iniziative come “Porte aperte AstraZeneca“, che elimina il sistema di prenotazione per le categorie vaccinabili: over 60, ultraottantenni e pazienti fragili.

Speciale Test Ammissione