News

Sicilia arancione o rossa? Esperti chiedono nuove restrizioni

Sicilia arancione o rossa? Si attendono i risultati del monitoraggio dell'Istituto Superiore di Sanita. L'Isola potrebbe tornare arancione il 31 gennaio.

Sicilia arancione o rossa? La domanda ricorre insistente nelle ultime ore, in attesa di conoscere la decisione del governo sul nuovo colore delle regioni. La decisione permetterà ad alcune di uscire dall’attuale zona gialla, arancione o rossa, di entrare in una nuova zona o di rimanere in quella attuale. Per la Sicilia la situazione si presenta complessa e ancora incerta, per via dei dati altalenanti degli ultimi giorni. Il cambio colore dovrebbe avvenire domenica 31 gennaio 2021.

Sicilia arancione o rossa? Il parere degli esperti

L’assessore alla Salute, Ruggero Razza, ha palesato nei giorni scorsi la sua speranza di uscire dalla zona rossa il 31 gennaio. Più cauto il presidente della Regione Musumeci che ha sottolineato come l’emergenza non sia ancora finita e che l’unica soluzione definitiva sarà il vaccino. Per passare alla zona arancione, la Sicilia dovrà dimostrare di avere registrato un calo per 14 giorni consecutivi dall’ultimo monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità.

I parametri della Sicilia, stando a quanto dichiarato nei giorni scorsi da Razza, sembrano buoni. I positivi sono in calo e i parametri dei posti letto in ricovero ordinario e in terapia intensiva sono al di sotto della soglia critica. La Fondazione Gimbe sottolinea tuttavia che si tratta di numeri in bilico e che, per quanto riguarda i dati delle terapie intensive, la Sicilia è a soli 2 punti percentuali sotto la soglia critica. I tamponi, inoltre, sarebbero stati in numero inferiore rispetto alle scorse settimane.

dati fondanzione gimbe sicilia

Sicilia arancione: regole e cosa cambia

Qualora la decisione fosse quella di riportare la Sicilia in zona arancione, ci sono alcuni cambiamenti che gli abitanti dell’Isola dovranno affrontare. Rimane invariato il coprifuoco e la possibilità di spostarsi fuori dal proprio comune. Tuttavia, i cittadini saranno liberi di spostarsi all’interno del Comune senza autocertificazione. 

Il servizio d’asporto sarà consentito per cibo e bevande. Nei bar sarà possibile effettuarlo dalle ore 5 alle ore 18, mentre i ristoranti potranno rimanere aperti fino alle 22. I centri commerciali, infine, saranno chiusi nei giorni prefestivi e nel fine settimana.

Rimani aggiornato

Università di Catania