Attualità

Coronavirus, Sicilia seconda regione per pazienti in intensiva: registrato anche un morto

operatore sanitario effettua tampone
L'impennata di contagiati post-ferragosto porta un nuovo quadro dell'epidemia: la Sicilia diventa la regione - seconda solo alla Lombardia - con più pazienti in terapia intensiva. Nel frattempo si registrano nuovi 33 casi di Covid e un morto.

Un dato negativo per tutto il Paese: se da una parte si stabilizzano e diminuiscono i casi di contagi, dall’altra aumentano le terapie intensive.

In Italia, in totale, si contavano – nella giornata di ieri – 978 casi (18 in meno registrati rispetto a lunedì 31 agosto), con ancora la Lombardia a rappresentare la regione con più contagiati (242 nuovi casi di Covid); a seguire la Lombardia troviamo il Lazio (125) e la Campania (102), mentre si registrano 1 caso in Basilicata e 0 casi in Valle d’Aosta.

In Sicilia, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 33 casi a fronte dei 4.210 tamponi effettuati in più, rispetto alla giornata di lunedì. Di questi 33 nuovi casi di Coronavirus isolani, 5 sono migranti nei centri accoglienza, mentre 6 sono i nuovi contagiati della provincia di Catania. Registrati anche dei nuovi casi guariti (+5), ma arriva anche un dato negativo: nella giornata di ieri, martedì 1 luglio, è stata registrata una morte.

Un altro dato negativo è che la Sicilia è la regione con più pazienti in terapia intensiva, seconda solo alla Lombardia. Infatti, mentre quest’ultima rimane con 21 casi di terapia intensiva, nell’Isola sono 10 i pazienti ricoverati: in totale, in Italia, si passano i 100 ricoverati in intensiva (107). Nella Regione siciliana, si contano 71 casi ricoverati in totale mentre 1.071 sono in isolamento domiciliare.