Fisica e Astronomia

Unict nella ricerca dell’ESA: le prime immagini dallo spazio del Solar Orbiter [VIDEO]

L'ESA svela le prime immagini del progetto Solar Orbiter, a cui hanno partecipato docenti e ricercatori del Dipartimento di Fisica dell'Università di Catania.

Il veicolo spaziale dell’ESA (l’Agenzia spaziale europea) per l’osservazione del Sole ha svelato le prime immagini registrate. Un importante progetto di ricerca a cui ha partecipato l’Università di Catania con i docenti e i ricercatori del Dipartimento di Fisica.

Solar Orbiter ha completato a metà giugno la fase di messa in servizio e ha eseguito il suo primo avvicinamento al Sole. Poco dopo, i team scientifici europeo e statunitense che sono dietro ai 10 strumenti della missione sono stati in grado di testare l’intero insieme di strumenti unanimamente per la prima volta. Nonostante le battute d’arresto che i gruppi di lavoro hanno affrontato durante la fase di messa in servizio del veicolo spaziale e dei suoi strumenti nel mezzo della pandemia di COVID-19, la prima campagna immagini è stata un grande successo. La missione spaziale è frutto di una collaborazione internazionale tra Esa e Nasa. Dodici Stati Membri dell’Esa (Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera) come pure la Nasa hanno contribuito al carico utile scientifico. Danimarca, Finlandia, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi e Portogallo hanno contribuito alla costruzione del veicolo spaziale ma non alla costruzione del carico utile scientifico.

Solar Orbiter: Italia in prima linea

L’Italia ha contribuito allo sviluppo di tre dei dieci strumenti scientifici a bordo di Solar Orbiter. L’Università di Firenze e l’INAF, l’Istituto Nazionale di Astrofisica, hanno guidato il team dietro al cronografo Metis, che misura le emissioni visibile e all’ultravioletto della corona solare con una copertura temporale ed una risoluzione spaziale senza precedenti. L’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali (INAF-IAPS) svolge un ruolo chiave nello strumento analizzatore del vento solare, SWA, avendo fornito la sua unità di elaborazione dati. L’Università di Genova ha partecipato allo sviluppo dello Spettrometro a raggi X / Telescopio STIX. Le aziende italiane Leonardo, TAS e OHB sono inoltre state coinvolte per la fornitura di componenti del veicolo spaziale. Alla missione hanno dato un importante contributo anche diversi docenti e ricercatori del dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania, tra i quali la prof.ssa Francesca Zuccarello.

Il Sole mai visto da così vicino

Nessuna altra immagine del Sole è stata ripresa da una distanza così vicina. Durante il suo primo perielio, il punto in cui l’orbita ellittica della navetta spaziale è più vicino al Sole, Solar Orbiter si è avvicinato fino a 77 milioni di chilometri dalla superficie della stella, circa la metà della distanza tra il Sole e la Terra. La navicella alla fine si avvicinerà anche di più al Sole. La navetta è ora nella sua fase di crociera, e aggiusta gradualmente la sua orbita intorno al Sole. Una volta entrata nella fase scientifica, che comincerà a fine 2021, il veicolo spaziale si avvicinerà a ben 42 milioni di chilometri dalla superficie del Sole, più vicino del pianeta Mercurio. Gli operatori del veicolo spaziale inclineranno gradualmente l’orbita di Solar Orbiter per permettere alla sonda di ottenere la prima veduta corretta dei poli del Sole.