Università in pillole

Borse di studio, Manfredi: “Eliminiamo idoneo non beneficiario”

gaetano manfredi
Più borse di studio e allargamento della no tax area: sono alcune delle misure previste per scongiurare il crollo di iscrizioni all'università per il prossimo anno.

La regolare ripresa dell’università è ormai cosa certa. Adesso si punta, tuttavia, a scongiurare la fuga d’iscrizioni prevista per il prossimo anno accademico, lavorando anche all’allargamento della concessione delle borse di studio. Il crollo delle nuove matricole, stando alle prime previsioni, sembra essere una conseguenza inevitabile della crisi economica post Covid-19. Si mostra necessario, quindi, operare a una serie di misure che permettano a tutti di accedere all’istruzione universitaria.

A parlare dell’intenzione di allargare le misure di sostegno economico agli studenti è stato il ministro Gaetano Manfredi, intervistato da Skuola.net in merito alla riapertura delle università.

Borse di studio, Manfredi: “Eliminiamo la figura dell’idoneo non beneficiario”

Tra le prime misure annunciate da Manfredi, l’eliminazione della figura dell’idoneo non beneficiario rappresenta una delle più significative. Si tratta, di fatto, di studenti in possesso di tutti i requisiti per ottenere le borse di studio, ma che in pratica non possono accedere ai contribuiti economici a causa dell’insufficienza dei fondi stanziati dalle regioni.

“Quest’anno – ha dichiarato il ministro – dovremmo essere in grado di eliminare la figura dell’idoneo non beneficiario”. Per fare ciò il Governo procederà allo stanziamento di circa 300 i milioni che andranno a sostenere l’accesso all’università e il diritto allo studio.

Questi trecento milioni saranno così ripartiti:

  • 160 milioni saranno destinati in particolare alla no-tax area;
  • 50 milioni saranno destinati ad aiutare le famiglie in difficoltà economica a causa dell’emergenza sanitaria; difficoltà.
  • 30 milioni saranno destinati al digitale, per i ragazzi che continueranno a usare mezzi informatici e per meglio attrezzare le università.

Borse di studio: “No tax area” fino a 20mila euro

” Intendiamo operare- ha detto ancora Manfredi– un potenziamento del diritto allo studio con allargamento della no tax area fino a 20mila euro“. Al momento l’esenzione dalla tasse riguarda soltanto quegli studenti che possano attestare una dichiarazione Isee al di sotto dei 13000 euro, non siano iscritti oltre un anno fuori corso e possiedano almeno 10 crediti formativi al secondo anno.

Il Governo, infine, sta ragionando anche sullo stanziamento di un finanziamento da 40 milioni, aggiuntivi sul Fondo integrativo statale. Di questi 40 milioni, 165 saranno destinati all’università e buona parte sarà destinata all’erogazione di un maggior numero di borse di studio. I fondi saranno così ripartiti:

  •  50 milioni per l’allargamento della no tax area;
  • 65 per gli sconti agli studenti con Isee tra 20 e 30mila euro;
  • 50 per ulteriori sconti per  studenti con Isee sopra i 30mila euro.

 Test d’ingresso, lezioni ed esami: ministro Manfredi annuncia novità

 

 

 

Università di Catania