Lavoro, stage ed opportunità

Assunzioni per 5000 infermieri senza concorso: bando in uscita

Si attende per la fine del mese l'uscita del decreto aprile con le istruzioni sulla fase 2: tra le novità, assunzioni per 5.000 infermieri senza concorso tramite bandi e avvisi veloci.

Da molte settimane ormai, l’Italia intera è chiusa in casa. Tuttavia, i ultimi dati diffusi dalla Protezione Civile negli ultimi giorni sono buoni: i casi diminuiscono e negli ospedali calano ricoveri in terapia intensiva. L’inizio della cosiddetta “fase 2” non sembra poi così lontano. La ripartenza, dopo il blocco delle scorse settimane, dovrebbe cominciare a partire dal 4 maggio, data in cui scadranno gli attuali divieti.

Il governo è già al lavoro su diverse iniziative per poter disciplinare la seconda fase dell’emergenza. Tra le misure in uscita col prossimo decreto, si prevede l’assunzione di 5000 infermieri, che verranno reclutati senza concorso pubblico ma tramite bando e avvisi veloci, come è già stato fatto nel mese di marzo.

Queste assunzioni andranno inquadrate nel piano di potenziamento delle cure ai malati, ma anche nell’assistenza agli anziani e nella cura dei disabili, costretti da due mesi a rimanere a casa e a rinviare prestazioni e controlli medici. Tra i compiti degli infermieri assunti, difatti, ci sarà anche l’assistenza porta a porta, visto che molti infetti sono attualmente in isolamento domiciliare.

La notizia delle assunzioni, non è ancora ufficiale, ma a darne notizia è stato lo stesso ministro della Salute Roberto Speranza. Questo nuovo giro di assunzioni è dettato dalla necessità di continuare a fornire territoriale e domiciliare: calano i ricoverati in ospedale, molti pazienti sono in isolamento domiciliare ma richiedono assistenza e cure.

Nei prossimi giorni, saranno chiarite le modalità di assunzione, anche se, è molto probabile che rispecchino quelle già utilizzate a marzo per reclutare 20.000 nuovi medici, infermieri e OSS. Si saprà, inoltre, quali saranno le risorse stanziate per l’assistenza domiciliare ai pazienti in quarantena a casa.

Finora il potenziamento del personale sanitario ha riguardato 4.331 medici, 9.666 infermieri e 6.043 OSS, per un totale di 20.040 nuovi assunti. Tra questi, 4.448 hanno avuto un contratto a tempo indeterminato, 6.802 stabilizzabile, mentre gli altri sono stati assunti con un contratto di collaborazione per 6 mesi, anche se con possibilità di rinnovo.

Gli sforzi e i sacrifici dei neoassunti saranno ricompensati con la possibilità di far valere l’esperienza accumulata in questa fase di emergenza nei futuri bandi di concorso. Nel decreto di aprile, però, è prevista un’importante novità per gli specializzandi al quarto o quinto anno, finora assunti con contratti precari e per pochi mesi, i quali adesso avranno un contratto di almeno un anno.