Lavoro, stage ed opportunità

Concorso Ministero della Difesa: bando per 397 posti di Allievi Ufficiali

Pubblicato dal Ministero della Difesa un nuovo bando per il reclutamento di Allievi Ufficiali per l'anno 2020-2021. Sono 397 i posti disponibili, suddivisi per Accademia Militare, Accademia Navale, Aeronautica e Carabinieri.

Il Ministero della Difesa ha pubblicato il bando per i concorsi di selezione degli Allievi Ufficiali per l’anno 2020-2021: sono disponibili 397 posti per accedere alle Forze armate.

I concorsi sono rivolti a coloro che desiderano entrare al primo anno delle Accademie delle Forze Armate, Esercito, Marina, Aeronautica e Carabinieri in particolare e sono finalizzati al conseguimento della formazione di base per gli ambiti prima menzionati.

I 397 posti sono suddivisi in:

  • concorso Accademia Militare per 140 allievi;
  • concorso Accademia Navale per 114 Allievi;
  • concorso Aeronautica per 83 allievi;
  • concorso Carabinieri per 60 allievi.

Per partecipare ai concorsi è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • aver compiuto il 17esimo anno di età e non aver superato il compimento del 22esimo anno di età al 31 gennaio 2020;
  • aver conseguito o essere in grado di conseguire per l’anno scolastico 2019-2020 un diploma di istruzione secondaria di secondo grado;
  • idoneità psico fisica e attitudinale;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, licenziati da un impiego pubblico per procedimento disciplinare o prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia dello Stato per motivi disciplinari o di inattitudine alla vita militare, eccetto i casi di inidoneità psicofisica;
  • non avere condanne o processi in atto per delitti non colposi;
  • essere incensurati;
  • fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
  • per i minorenni, avere il consenso dei genitori o del tutore a contrarre l’arruolamento volontario;
  • esito negativo agli accertamenti diagnostici per l’abuso di alcool, di sostanze stupefacenti e di sostanze psicotrope a scopo non terapeutico.

Ulteriori precisazioni sulle prove settoriali da affrontare ed eventuali scadenze nel bando ufficiale.