Lavoro, stage ed opportunità

Polizia di Stato: annunciate 1851 assunzioni

Nuovo assunzioni in Polizia di Stato, secondo quanto annunciato dalla ministra per la Funziona Pubblica, Giulia Bongiorno: “Oggi ho dato il via libera all’assunzione di 1.851 unità di allievi agenti della Polizia di Stato: le nuove risorse, richieste dal ministro dell’Interno Salvini, inizieranno il corso entro il prossimo agosto. Continua il nostro impegno per potenziare la Pubblica Amministrazione”.

Le assunzioni alle quali fa riferimento la Bongiorno riguardano lo scorrimento della graduatoria di un concorso già pubblicato dalla Polizia di Stato: si tratta del bando del 18 maggio 2017, che reclutava 1.148 allievi agenti. Dopo aver svolto le prove, era stata resa nota una prima graduatoria valida fino al 2020. Tuttavia sono sorte diverse polemiche, dato che sono stati esclusi diversi candidati ai quali mancava la prova di idoneità fisica e l’immissione di ruolo: la causa è da attribuirsi alla legge sul riordino delle carriere, che ha modificato alcuni criteri, come i limiti di età (si è passati dai 30 ai 25 anni) e il titolo di studio (dalla licenza media al diploma d’istruzione secondaria superiore). La situazione continua a far discutere, considerando che il concorso era già stato svolto ma, per effetto della legge, molti si sono trovati a non aver più i requisiti necessari. I candidati hanno cercato di far valere i propri diritti protestando pubblicamente e presentando diversi ricorsi.

Inoltre, non è il primo concorso che viene annunciato nelle ultime settimane dalla ministra: entro l’estate dovrebbe essere disponibile il bando per il concorso pubblico per funzionari giudiziari che vedrà 1850 posti disponibili. 

Giulia Bongiorno aveva annunciato anche un modo per far inserire più facilmente i laureati nel mondo del lavoro perché “oggi c’è un grosso problema per i giovani che non riescono a trovare lavoro quando escono dall’università con un tipo di formazione estremamente generica. Con il ministro dell’Istruzione, Bussetti, abbiamo deciso di creare un corso che permetta al ragazzo che studia all’università, alla fine del suo percorso, di poter fare un concorso direttamente nella P.A”.


Leggi anche: “Concorsi pubblici, funzionari giudiziari: annunciato bando per 1850 posti”
Leggi anche: “Concorsi pubblici, la Ministra Bongiorno: “Nei prossimi anni 250 mila assunzioni”