Lavoro, stage ed opportunità

LAVORO – Quali sono le 5 mosse vincenti per un buon colloquio?

Affrontare un colloquio di lavoro non è facile: l’ansia di fare buona impressione e la paura di non essere presi per quell’incarico a cui teniamo molto possono giocare brutti scherzi, finendo per mettere a rischio il nostro colloquio. Ecco allora 5 consigli da seguire per affrontare in maniera corretta un colloquio di lavoro.

Il colloquio di lavoro rappresenta un’importante opportunità per la carriera futura, perciò è normale sentirsi stressati e sotto pressione, ma non dobbiamo permettere che l’ansia abbia la meglio e ci impedisca di prepararci e di condurre adeguatamente il nostro colloquio di lavoro. Per questo occorre mantenere la calma e seguire alcune dritte suggerite da diversi responsabili delle risorse umane, che renderanno il vostro colloquio di successo.

  1. Studiare: quando si è di fronte al selezionatore o al futuro datore di lavoro occorre innanzitutto trasmettere l’idea che si è ben capito quale sia la posizione per cui ci si è candidati.Occorre senz’altro informarsi e studiare quali siano i target, i valori e la storia ad esempio dell’azienda presso cui si fa il colloquio. Essere preparati prima di tutto, per evitare gaffe o cattive figure.
  2. Mantenere la calma: è importante controllare le emozioni, apparire tranquilli e rilassati, sicuri di sè e determinati già dalla stretta di mano e dalla presentazione iniziale. La prima impressione è quella che il più delle volte dice molto sulle persone.
  3. Usare le parole giuste: un tempo il colloquio di lavoro era un’occasione molto formale, adesso non è più così,  o almeno non sempre. In ogni caso dobbiamo fare attenzione a non trascendere in un’eccesso di confidenza e soppesare le parole che utilizziamo. L’importante è fare discorsi lineari e chiari, utilizzando un italiano corretto e comprensibili.
  4. Sapersi raccontare: la capacità di raccontarsi in modo coerente e consapevole è fondamentale. Bisogna presentare un’immagine di sé e delle proprie esperienze professionali che risponda al vero.
  5. Gestire bene l’attesa: per non rodersi in un’attesa snervante a fine colloquio, si può chiedere all’azienda se darà risposta e in che tempi. Evitare quindi di contattare ripetutamente il selezionatore se non si riceve in breve tempo una risposta.

Anche se questi 5 consigli sono adatti ad ogni tipo di colloquio o selezione di lavoro, è anche vero che oggi le modalità di colloquio possono variare da quelle classiche faccia a faccia, generando nuove sfide per il candidato. Oggi, infatti, molti colloqui vengono tenuti a distanza attraverso piattaforme online come Skype (leggi anche LAVORO – I consigli per un colloquio produttivo, parla il responsabile delle risorse umane ), l’importante in questi casi è ricordarsi che il linguaggio del corpo si limita a quello del viso, e trovare un luogo senza rumori dove svolgere la video chiamata.

A proposito dell'autore

Sofia Nicolosi

Sofia Nicolosi nasce a Catania il 16 settembre 1997. Laureata in Relazioni internazionali, sogna di poter avere un futuro nel giornalismo e nella comunicazione in ambito europeo e internazionale. Dopo la scrittura e lo storytelling, le sue grandi passioni sono i viaggi e lo sport. Tra i temi a cui è più legata: i diritti umani e i diritti sociali, l'uguaglianza di genere e la difesa ambientale.
Contatti: s.nicolosi@liveunict.com