Attualità Catania

Truffe assicurative: arrestati due vigili urbani di Catania e sospesi due avvocati

Nella giornata di oggi arrestati due ispettori della polizia Municipale di Catania: l’accusa è la simulazione di incidenti stradali, anomalie nelle pratiche e truffa alle assicurazioni.

Sono due ispettori di Catania ad essere finiti nel mirino dei controlli della Procura della Repubblica della Polizia Municipale di Catania,  Salvatore Saeli di 55 anni e Attilia Mazzara di anni 52 anni, sono strati arrestati e nell’ambito di un’inchiesta sul truffe ai danni di compagnie di assicurazioni con incidenti stradali presentati in modo da diverso da come si erano verificati.

Il Gip che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare ha disposto anche l’interdizione dall’esercizio della professione forense per due mesi degli avvocati Girolamo Graziano Miraldi e Rosario Mauro Privitera. Altre 53 persone sono indagate.

L’indagine e’ iniziata nel 2012 in seguito a una segnalazione trasmessa alla Procura della Repubblica dalla polizia municipale circa una serie di presunte anomalie nelle pratiche relative ad alcuni incidenti stradali per i quali i rilievi erano stati compiuti da Saeli e Mazzara.

Circa 20 sinistri tra aprile e ottobre del 2011 gli atti sono risultati redatti sempre da un singolo appartenente della polizia municipale e che in molti casi risultava libero dal servizio o mentre era in congedo o in malattia. In tutti gli incidenti erano segnalati feriti, per i quali pero’ non risultavano mai interventi di ambulanze ma solo referti, sempre del pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi. Nei rapporti, poi, mancavano i rilievi planimetrici completi.

I sinistri venivano trattati per le procedure risarcitorie dei due avvocati sospesi. La truffa consisteva non nel denunciare falsi incidenti ma nel presentare come piu’ gravi eventi effettivamente accaduti, modificandone artificiosamente la dinamica, i protagonisti e i luoghi in modo da assicurarsi ii risarcimenti da parte delle assicurazioni.