Test Ammissione

Università, cambia il test di Medicina: tutte le novità

Previsti per il 6 settembre i test di medicina. Meno quesiti di cultura generale e per l'anno 2023/2024 saranno previsti i Tolc del Cisia.

Novità per gli aspiranti studenti in medicina: cambia la struttura dei test d’ingresso a medicina. A stabilirlo è stato il nuovo decreto firmato dalla ministra Cristina Messa e saranno articolate nel seguente modo: meno domande di cultura generale e di logica per lasciare più spazio ai quesiti di biologia, chimica, fisica e matematica.

Confermati i 60 quesiti ma con un’articolazione diversa:

  • 4 quesiti di competenze di lettura e conoscenze acquisite durante il percorso di  studi;
  • 5 di logica e risoluzione di problemi;
  • 23 di biologia;
  • 15 di chimica;
  • 13 di matematica e fisica.

Date

Le date previste per lo svolgimento delle prove sono martedì 6 settembre per medicina e odontoiatria, giovedì 8 settembre per veterinaria, giovedì 15 settembre per professioni sanitarie. Martedì 13 settembre saranno svolti i test in medicina e odontoiatria in lingua inglese.

Posti disponibili e punteggio

Per il 2022 non si ha ancora la certezza dei posti disponibili ma è stato confermato la soglia minima oltre la quale non scendere, 14.500. Nessuna variazione per le norme di attribuzione del punteggio: 90 punti è il massimo e i seguenti criteri di correzione sono:

  • 1,5 punti per ogni risposta esatta;
  • – 0,4 punti per ogni risposta errata;
  • 0 punti per ogni risposta non data.

Tolc del Cisia previsti per l’anno 2023/2024

Dall’anno prossimo (2023/2024) gli studenti che aspireranno ad iscriversi a medicina potranno già provare i test di ammissione a partire dal quarto superiore grazie alla nuova modalità prevista, ovvero quella dei Tolc del Cisia. I quiz saranno ripetibili per due volte l’anno e i punteggi ottenuti tra il quarto e il quinto superiore saranno addizionati per permettere al candidato di partecipare ai test d’ammissione del corso di laurea che gli interessa.

 Test medicina, due quesiti riconosciuti come errori: ammessi circa 200 candidati