Lavoro, stage ed opportunità

Concorsi pubblici, nuove regole in arrivo: cosa cambia

concorsi pubblici
Concorsi pubblici: in arrivo nuove regole, approvate con il Decreto per l'attuazione del Pnrr dello scorso 13 aprile. Ecco cosa cambia nel dettaglio.

Concorsi pubblici: novità in arrivo in merito, e non solo. Nuove norme, anche in merito al codice di condotta sui social media, sono state approvate con il Decreto per l’attuazione del Pnrr dello scorso 13 aprile.

Come spiegato da Renato Brunetta, Ministro per la Pubblica amministrazione, lo scopo di questi cambiamenti sarebbe riportare il numero di dipendenti pubblici, tra cinque anni, a quota 4 milioni, contro i 3,2 milioni attuali, e abbassare di 5-6 anni l’età media, ora sopra i 50 anni“.


 Concorsi Pubblica Amministrazione: 11 mila posti anche per diplomati


Concorsi pubblici: cosa cambia

Dal prossimo 1° luglio sarà possibile partecipare ai concorsi per i lavori nella pubblica amministrazione, sia per le assunzioni a tempo determinato che per quelle a tempo indeterminato, solamente attraverso la registrazione al portale inPA.gov.it, definito da Brunetta “il Linkedin della Pa”.

Inoltre, in un secondo momento, l’obbligo di iscrizione al portale, che per ora è previsto solo per le amministrazioni centrali, verrà presto esteso anche per i lavori presso le Regioni e altri Enti locali. Le modalità in merito, però, verranno rese note in seguito con apposito decreto del Ministro per la Pubblica amministrazione.

Concorsi pubblici: prove e valutazione

Sarà, inoltre, obbligatorio per tutti i candidati ai concorsi pubblici sostenere sia una prova scritta che una prova orale, per mezzo delle quali andrà verificata la conoscenza di “almeno una lingua straniera“.

Queste conoscenze, però, potrebbero non essere sufficienti per superare le prove: secondo la riforma, infatti, verrà potenziato il valore dell’assessment. Ciò significa che il candidato sarà valutato non soltanto sulla base delle competenze tecniche, ma anche in base alle attitudini e alle caratteristiche caratteriali.

Infine, i bandi per specifiche posizioni potrebbero in futuro prevedere misure a tutela della parità di genere.

Altre novità