Lavoro, stage ed opportunità

Concorso ordinario STEM: in arrivo 6.000 assunzioni

Concorso STEM: in arrivo maxi concorso che prevede 6.000 assunzioni. Di seguito le classi di concorso con i requisiti e scadenze.

Nuovo concorso STEM in arrivo: disponibili oltre 6.000 posti a tempo indeterminato a partire dal 1° settembre 2022. La modalità semplificata farà in modo di portare i vincitori di concorso in cattedra in breve tempo non appena uscirà il bando.

Concorso STEM: i posti a disposizione

I posti a concorso sono stati comunicati ai sindacati durante l’incontro del 4 novembre al Ministero. Nello specifico si tratta di 6333 così suddivisi:

  • A020 – fisica: 376 posti;
  • A026 – matematica: 1098 posti;
  • A027 – matematica e fisica: 1568 posti;
  • A028 – matematica e scienze: 2075 posti;
  • A041 – scienze e tecnologie informatiche: 1216 posti.

I posti a disposizione saranno poi suddivisi per regione e classe di concorso. Ogni aspirante può partecipare in una sola regione, scegliendo al massimo una classe di concorso per la scuola secondaria di I grado (l’unica in questo caso è A028) e una classe di concorso della scuola secondaria di II grado.

I requisiti per il concorso STEM

Al nuovo concorso potranno partecipare anche i candidati che avevano fatto domanda per il vecchio concorso STEM e che in estate non hanno superato le prove o che sono stati vincitori in un’altra regione o di ruolo e vogliono cambiare regione.

I titoli richiesti sono i seguenti:

  •  titolo di abilitazione alla specifica classe di concorso o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;
  • titolo di accesso alla specifica classe di concorso congiuntamente a titolo di abilitazione all’insegnamento per diverso grado o classe di concorso o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;
  • titolo di accesso alla specifica classe di concorso o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente congiuntamente al possesso dei 24 CFU/CFA di cui all’articolo 1, comma 181, lettera b), numero 2.1 della Legge. classi di concorso a cui si può accedere con la propria laurea.

Le prove

Si svolgeranno, sulla base del Decreto Sostegni bis, in maniera semplificata:

  • prova scritta con più quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese.
  •  prova orale;
  •  valutazione dei titoli;
  • formazione della graduatoria nel limite dei posti messi a concorso

     Concorso RIPAM, 2293 posti per diplomati nei Ministeri: le info