Catania

Catania, arriva il quinto “liotru” colorato: sarà in piazza Nettuno

liotru
A Catania arriva il quinto elefante colorato: si tratta di un'installazione colorata e animata da Ligama. Il nuovo arrivato è stato collocato in piazza Nettuno.

Sul lungomare di Catania, in Piazza Nettuno, lo scorso weekend è arrivata la quinta installazione artistica rientrante nel progetto di valorizzazione culturale “Liotru d’autore by gloTM”.

Nel novembre 2019, infatti, grazie al progetto sono stati realizzati in Piazza Università 4 coloratissimi elefanti in vetroresina, decorati da Ligama e dai talenti dell’Accademia di Belle Arti di Catania, per poi essere collocati stabilmente in punti strategici di Catania: Piazza Università, Piazza Europa, rotonda di Ognina, ingresso Sud della città nei pressi degli archi della Marina.

I catanesi, nel tempo, li hanno ribattezzati “liotrini” e non hanno perso l’occasione di scattarsi un selfie con loro, mentre per cittadini e turisti sono ormai una vera e propria attrazione, un ricordo ed un simbolo speciale della città di Catania.

Il quinto elefantino in vetroresina è apparso a Catania nel corso di quest’ultimo weekend di maggio e, come vuole la tradizione di “Liotru d’autore by gloTM”, ha subito la sua trasformazione dal bianco alla versione colorata nel corso di una notte, quando è stato reso opera da Ligama, artista che molti catanesi hanno imparato a conoscere proprio grazie agli elefanti di gloTM e famoso fuori dai confini della città per la sua abilità nel trasformare ruderi in tele dal tratto inconfondibile.

“Per questa nuova installazione ho pensato di rompere gli schemi formali, di eliminare i confini delle forme come se queste esistenze uniche si sprigionassero nell’aria fino a formare un unico velo che avvolge il liotru. Il ciclo pittorico Gradients intende essere una metafora della condivisione e del movimento, dello scambio e del flusso di nuove energie. Una speranza per un futuro senza più distanze”, ha dichiarato Ligama.


Ligama, lo street artist catanese: “Presto nuovi murales nella mia città”