News

Mutuo casa per under 35, Draghi: “Stop all’anticipo, garantirà lo Stato”

mutuo casa
Il governo è pronto ad approvare con il prossimo decreto legge Imprese una nuova misura per aiutare i "giovani a mettere su famiglia" e a combattere la denatalità. Lo annuncia Mario Draghi durante l'illustrazione del Recovery plan.

Novità in arrivo per i giovani che intendono attivare un mutuo per acquistare una casa. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha, infatti, annunciato, nel corso dell’illustrazione del Recovery plan, che sarà il Governo a supportare i giovani in tal senso.

Nel suo intervento di ieri alla Camera dei Deputati ha, di fatto, Draghi ha sottolineato: “in un prossimo decreto, di imminente approvazione, sono previste altre risorse per aiutare i giovani a contrarre un mutuo per acquistare una casa. Sarà possibile non pagare un anticipo, grazie all’introduzione di una garanzia dello Stato.” 

Ma come funzionerà questa nuova misura? Come anticipato dal Premier, la misura dovrebbe rendere più agevole l’accensione del mutuo sulla prima casa per i più giovani. Di fatto, si punterebbe all’abolizione dell’anticipo per gli under 35 per accendere un mutuo. A fare da garante sarà lo Stato.

Questa misura dovrebbe aggiungersi agli sgravi fiscali, annunciati pochi giorni fa con il Documento di economia e finanza, sull’accensione dei prestiti per l’acquisto della prima abitazione per i più giovani.

Non si sa ancora, però, con esattezza quando il prossimo decreto verrà approvato e, di conseguenza, quando queste misure annunciate dal Draghi verranno messe in atto e con quali specifiche modalità. Sono, dunque, ancora da stimare le risorse necessarie a far partire la misura.

Rimani aggiornato