News

Sicilia, cannabis terapeutica usata per la prima volta da ospedale pubblico

Cannabis terapeutica fornita per la prima volta in forma gratuita in Sicilia a una paziente. Il decreto era stato firmato dall'assessore Razza circa un anno fa.

A seguito di un decreto firmato oltre un anno fa dall’Assessore alla Salute Ruggero Razza, per la prima volta in Sicilia una paziente riceve una dose di cannabis a uso terapeutico in forma gratuita. All’atto della firma del provvedimento, il presidente Nello Musumeci aveva parlato di un “atto di civiltà”.

Il decreto era stato firmato nel gennaio 2020 dall’assessore alla Salute Ruggero Razza. A distanza di un anno, un ospedale pubblico, dopo avere ricevuto il preparato da una farmacia convenzionata, ha consegnato gratuitamente a una paziente affetta da sclerosi multipla dosi di marijuana per uso terapeutico per la terapia del dolore. La consegna è avvenuta al ‘Piemonte’ del Centro neurolesi Bonino Pulejo, a Messina. La paziente, Loredana Gullotta di 46 anni, ha raccontato all’Ansa di avere ricevuto 45 grammi di infiorescenza suddivisa in 30 scatolini.

Cannabis terapeutica in Sicilia: cosa prevede il decreto di Razza

Il farmaco, si ricorda, è gratuito per i pazienti affetti da dolore cronico e neuropatico e da spasticità da sclerosi multipla. Si parla in particolare della “Cannabis FM-2 prodotta in Italia in conformità alle direttive europee in materia di medicinali sulla base di un processo produttivo controllato ed eseguito in una officina farmaceutica autorizzata (l’Istituto militare di Firenze) dall’AIFA-Agenzia Italiana del Farmaco.

Proprio perché siamo contro ogni droga, ogni spacciatore e ogni possibile forma di legalizzazione delle sostanze stupefacenti – aveva dichiarato Musumeci all’epoca -. Proprio perché siamo contro tutto ciò, non possiamo negare a un siciliano malato di sclerosi, ove lo desiderasse e ritenesse necessario, di provare a lenire le sue sofferenze con i farmaci derivati dalla cannabis terapeutica, facendoci carico delle spese per questa cura”.

Rimani aggiornato