Catania

Catania, abbandono rifiuti: sì a telecamere e commissione di vigilanza

rifiuti catania
Foto archivio
Una commissione consiliare speciale e temporanea al Comune di Catania avrà il compito di vigilare le zone cittadine interessate dalla presenza di discariche abusive. Il 2% dei trasferimenti regionali sarà utilizzato, inoltre, per l'installazione di telecamere di videosorveglianza.

A Catania si lotta contro l’inciviltà.  Di fatto, è stata recentemente istituita, grazie ad una mozione che ha ricevuto ben 24 voti favorevoli, una commissione consiliare speciale e temporanea al Comune di Catania.  Con quale scopo? Questa nascerà con la dichiarata intenzione di vigilare e fornire atti di indirizzo in merito all’attuazione del progetto di videosorveglianza contro le discariche abusive.

Il progetto, scelto dai cittadini con “Democrazia Partecipata”, disporrà del 2% dei trasferimenti regionali, corrispondenti a circa 240 mila euro, per l’installazione di telecamere di videosorveglianza nelle zone cittadine che ospitano discariche abusive a cielo aperto.

La mozione che renderà concreta questa vera e propria lotta contro l’inciviltà ha avuto come primo firmatario il consigliere Giovanni Petralia, ed è stata poi votata da tutti i gruppi consiliari.

“Ecco perché è necessario formare un organo democratico di controllo e di indirizzo che deve vigilare sulla programmazione che le direzioni coinvolte sosterranno e sulle linee guida che verranno seguite. La commissione – continua ancora Petralia – si riunirà a titolo completamente gratuito ed avrà durata provvisoria. La città ha scelto con fermezza il progetto di videosorveglianza contro le discariche abusive e quindi tocca a noi consiglieri comunali adesso vigilare al massimo per garantire l’efficacia di tale iniziativa ed il pieno rispetto della volontà popolare”.