Attualità

Stop alle monetine da 1 e 2 centesimi: Unione Europea valuta di abolirle

monetine 2 centesimi
Potrebbe essere l'addio definitivo alle monetine da 1 e 2 centesimi? L'UE ne sta valutando l'eliminazione, proponendo delle misure alternative per dissuaderne dall'utilizzo.

Già fuori produzione sin dal 2018, le monetine da 1 e 2 centesimi, inevitabilmente presenti nel portamonete di ognuno, potrebbero essere definitivamente soppresse in un tempo relativamente breve. Sono, infatti, oggetto di valutazione da parte della Commissione Europea: una volta ottenuti i dati riguardanti il loro utilizzo in lungo e in largo per il territorio UE, si potrebbe decidere di dimetterle definitivamente alla fine del 2021.

Ciò avverrebbe a seguito di una proposta legislativa, che vedrebbe l’arrotondamento dei prezzi in modo da consentire il sempre minor utilizzo delle due monetine. Nel dettaglio, trovandosi di fronte a prezzi con 0,1 e 0,2 centesimi, esso verrebbe arrotondato a 0; nel caso di 0,3 e 0,4 si arrotonderebbe a 5 centesimi, infine dagli 0,6 fino agli 0,9 si arrotonderebbe a 10 centesimi.

Del resto, già in alcuni paesi europei si provvede da tempo ad eliminare gradualmente l’utilizzo degli 1 e 2 centesimi. Basti pensare, ad esempio, all’Irlanda, alla Finlandia, o al Belgio: si è deciso di arrotondare i prezzi, per eccesso o per difetto, così da dissuadere dall’utilizzo delle monetine. In Italia stessa, dalla fine della produzione sin dal 2018, i negozianti spesso decidono di arrotondare il prezzo finale, così da non ricorrere all’utilizzo dei centesimi.

Per gli 1 e 2 cent, monetine davvero onnipresenti, potrebbe starsi avvicinando la fine. Niente paura, però: avranno comunque valore, e i commercianti sono tenuti ad accettarle. In fondo, anche in caso di una ufficiale eliminazione, quanto tempo passerà, effettivamente, prima che gli italiani liberino il proprio portafogli dalle monetine da 1 e 2 cent?