Lavoro, stage ed opportunità

Esame avvocato 2020: pubblicato bando in Gazzetta ufficiale

esame avvocato
L'Esame Avvocato 2020 per l'abilitazione alla professione d'avvocato avrà luogo ben presto: è quanto confermato dal decreto apparso in Gazzetta Ufficiale. Di seguito tutte le informazioni utili a riguardo.

All’interno della Gazzetta Ufficiale del 15 settembre 2020, spicca un decreto attesissimo: quello del Ministro della Giustizia con cui è stato indetto per l’anno 2020 l’Esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di avvocato. Ecco cosa è importante sapere.

Esame avvocato 2020: le prove

Nel corso del 2020, dovrebbe aver luogo la sessione dell’esame di  Stato per l’abilitazione all’esercizio della professioni d’avvocato.  Ma in cosa consisterà?

L’esame si articolo in tre prove scritte ed una orale. Le prove scritte vengono svolte sui temi formulati dal Ministero della giustizia e avranno come oggetto:

  •  la redazione di un parere motivato, da scegliersi tra due questioni in materia regolata dal codice civile;
  • la redazione di un parere motivato, da scegliersi tra due questioni in materia regolata dal codice penale;
  • la redazione di un atto giudiziario che postuli conoscenze di diritto sostanziale e di diritto processuale, su un quesito proposto, in materia scelta dal candidato tra il diritto privato, il diritto penale e il diritto amministrativo.

Per ogni prova scritta il candidato avrà a disposizione sette ore dal momento della dettatura del tema. Le prove orali, invece consisteranno in:

  • una discussione, dopo una sintetica illustrazione delle prove scritte, di brevi questioni relative a cinque materie, di cui una di diritto processuale, scelte preventivamente dal candidato tra quelle citate da decreto (articolo 2);
  • la  dimostrazione di conoscenza dell’ordinamento forense e dei diritti e doveri dell’avvocato.

Le date delle prove

Resta da chiedersi quando si darà ufficialmente il via all’Esame di stato per l’abilitazione della professione d’avvocato. Secondo quanto indicato dal testo in Gazzetta, le  prove  scritte si svolgeranno (a partire dalle ore 9:00) e nei giorni seguenti:

  1.  15 dicembre 2020:  parere  motivato  in  materia  regolata  dal codice civile;
  2. 16 dicembre 2020:  parere  motivato  in  materia  regolata  dal codice penale;
  3.  17 dicembre  2020:  atto  giudiziario  in  materia  di  diritto privato o di diritto penale o  di  diritto  amministrativo;

Scadenze e modalità di presentazione della domanda

Per prender parte all’Esame di Stato 2020 per  l’abilitazione all’esercizio della professione forense, occorre presentare la domanda di partecipazione per via telematica ed entro il prossimo 11 novembre 2020. 

In primo luogo, il candidato dovrà effettuare i seguenti pagamenti:

  1. tassa  di  euro  12,91 da versare utilizzando il  Modulo F/23;
  2.  contributo spese di euro 50,00;
  3.  l’imposta  di bollo da  euro 16,00;

Il candidato dovrà collegarsi al sito  internet  del  Ministero della  Giustizia e, cliccando la  voce “Strumenti/Concorsi, esami, assunzioni”, effettuare la relativa registrazione inserendo i dati richiesti.

Nell’apposito modulo (FORM), occorrerà selezionare la Corte di appello cui è diretta la domanda ed  il  Consiglio  dell’Ordine degli avvocati.

Il candidato che, alla data di  presentazione  della  domanda non avrà ancora completato la  pratica  professionale ma sarà sicuro di farlo entro  il  giorno 10 novembre  2020, dovrà dichiararlo nell’apposito campo visualizzato nel FORM della domanda.  Occorrerà, poi, salvare la “domanda  di  partecipazione”  in formato pdf, stamparla,  firmarla e scansionarla insieme ad  un documento di identità e alla ricevuta dei pagamenti degli importi previsti. Bisognerà, infine, effettuare il caricamento dell’intera documentazione.

Al termine della procedura di invio telematico, il candidato dovrà stampare  il modulo per la consegna della marca da bollo (disponibile all’interno propria area riservata) , apporre su di essa la marca già citata e depositarlo presso l’ufficio esami avvocato della Corte di appello in cui  il candidato sosterrà  l’esame.


Scarica la Gazzetta Ufficiale con l’avviso