Attualità

Decreto Rilancio: Conte annuncia bonus e nuove misure

giuseppe-conte-decreto
Decreto rilancio: tutte le misure su bonus vacanze, scuola, università, assunzioni, sanità e imprese. Ne ha parlato il premier Conte in conferenza stampa.

“Un testo complesso”, così il premier Conte ha definito il nuovo decreto Rilancio. “Abbiamo impiegato un po’ di tempo ma posso assicurarvi che non abbiamo impiegato un minuto di più di quello strettamente necessario per un testo così complesso”, ha dichiarato durante la conferenza stampa di stasera, durante la quale ha spiegato tutte le misure contenute nel decreto.

Scuola e Università

Arrivano i concorsi per insegnanti, che prevedono 16mila posti da assegnare attraverso la selezione pubblica, di questi 8000 mila tramite procedura straordinaria risalente al 2019 e altri 8000 con la procedura ordinaria per titoli ed esami. 1,4 miliardi saranno destinati all’università e alla ricerca, in particolare è stata annunciata l’assunzione di 4000 ricercatori. Il ministro Speranza annuncia anche 4.200 borse per le scuole di specializzazione in Medicina.

“Ecco una grande opportunità per i giovani talenti italiani – ha affermato il ministro Manfredi -. Se i nostri cervelli all’estero vorranno rientrare per aggiungere anche il loro contributo alla rinascita del Paese, a breve avranno tutti le possibilità per farlo, anche perché l’assegnazione dei nuovi 5600 posti da ricercatore rappresenta il più grande piano nella recente storia italiana. È soprattutto con il merito, la competenza e il talento dei nostri giovani che potremo infatti rilanciare l’Italia e vincere la sfida sanitaria, economica e sociale contro il coronavirus. Guardiamo al futuro partendo dai giovani e dalle competenze”.

Sanità

L’intervento per la sanità ammonterà a 2 miliardi e 250 milioni, come ha annunciato il premier Conte durante la conferenza stampa di stasera. È prevista l’assunzione di 9000 infermieri e l’incremento dei posti in terapia intensiva del 115 %. “Abbiamo visto quanto contano gli ospedali – ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza -. 240 milioni andranno per le nuove assunzioni nella Sanità e 190 milioni saranno utilizzati per incentivi ai medici”. Verrà anche istituito un fondo per strutture semi-residenziali per persone con disabilità, si prevedono risorse per 40 milioni.

Bonus vacanze 2020

Come annunciato precedentemente, sarà disponibile anche un bonus vacanze. Lo conferma Conte durante la conferenza stampa, spiegando che si potranno richiedere fino a 500 euro per le vacanze in Italia, nelle date dal primo luglio al 31 dicembre 2020. Il requisito è fondamentale è avere l’Isee inferiore ai 40mila euro: ai nuclei familiari composti da una persona spetteranno 150 euro, mentre a quelli composti da due persone il credito sarà di 300 euro.

Tasse, imprese e lavoratori

Aiuti importanti saranno destinati anche alle imprese: “Tagliamo 4 miliardi di tasse per tutte le imprese fino a 250 milioni di fatturato”, ha dichiarato il premier. Si ferma la rata Irap di giugno e viene eliminata la prima rata Imu peer alberghi e stabilimenti balneari. Si parla di “risorse cospicue” per i lavoratori, da circa 25,6miliardi di euro; a questi si aggiunge il “reddito di emergenza” per le fasce più deboli, quelle che necessitano di protezione. Inoltre, arriveranno aiuti anche per le famiglie: “Aiutiamo le famiglie che hanno figli, abbiamo un reddito di emergenza. Per i lavoratori le risorse sono cospicue, sono pari a 25,6 miliardi di euro”.
E ancora, stasera ha parlato anche dei lavoratori autonomi:Per gli autonomi e i professionisti iscritti alle gestioni separate Inps arriveranno 600 euro subito, perché saranno dati a chi ne ha già beneficiato. Spero possano arrivare nelle prossime ore, quando il decreto andrà in Gazzetta ufficiale, poi ci riserviamo di integrarli con un ristoro fino a 1000 euro”.

Ristoranti, bar e locali

Se ne parlava anche nei giorni scorsi e la notizia è stata confermata: i ristoranti e i bar potranno occupare il suolo pubblico senza pagare la Tosap, grazie anche alla collaborazione con l’Anci.