News

Sicilia piegata dal maltempo: vento fino a 100 km orari e strade chiuse

Credits: Il Messaggero.
La Sicilia fa la conta dei danni dopo la giornata di maltempo di ieri: le forti raffiche di vento hanno causato problemi in tutta l'Isola, in particolare lungo il versante occidentale.

Sicilia piegata in due dal maltempo. La giornata di ieri ha prodotto forti venti in diverse parti dell’Isola, in particolare sul versante Occidentale. Raffiche di vento fino a 100 chilometri orari hanno sferzato per tutta la notte la provincia di Palermo.

Venti di burrasca si sono abbattuti ieri sul Palermitano e sul Trapanese, mentre sulla Sicilia orientale piogge e raffiche di vento sono continuate lungo la notte. I danni colpiscono anche le isole minori: le Eolie sono rimaste isolate, con scuole senza docenti. Da ieri sono interrotti i collegamenti marittimi con le isole Stromboli, Ginostra, Panarea, Alicudi e Filicudi. E ieri pomeriggio gli aliscafi e i traghetti si sono fermati anche da Milazzo per Lipari, Salina e Vulcano.

Inoltre, a Stromboli il forte vento e la pioggia hanno distrutto il pontile degli aliscafi di Ginostra, rendendo impossibile, a detta degli abitanti, l’attracco dei mezzi veloci per evacuare l’isola vulcanica in caso di eruzione.

A Mondello si registrano cadute di alberi, tetti di case sradicati e pali dell’Enel piegati o finiti sui marciapiedi, con diversi gazebo distrutti a causa delle raffiche, mentre diversi voli in atterraggio all’aeroporto di Comiso sono stati dirottati ieri su Catania.

Sono stati oltre 120 gli interventi dei vigili del fuoco, che sono ancora al lavoro, mentre l’allerta meteo sulla Sicilia occidentale continuerà anche durante la giornata di oggi. Anche a Palermo, dove oggi resteranno chiuse ville e giardini per il forte vento, si contano alberi piombati sulla strada, cartelloni pubblicitari e tegole divelte.

Chiusa al traffico la strada statale 115 “Sud Occidentale Sicula”, in entrambe le direzioni, dal km 280,000 al km 285,000, in corrispondenza di Acate, in provincia di Ragusa, per l’allagamento della carreggiata a seguito dello straripamento del fiume Dirillo, come rende noto l’Anas. Strade chiuse anche tra Siracusa e Ragusa, dove i soccorritori a causa del maltempo hanno chiuso la Provinciale 39.

Nella provincia aretusea il maltempo si è abbattuto soprattutto sulle zone montane, dove si sono verificati smottamenti sulle strade di collegamento, mentre a Palazzolo Acreide nella notte si è registrato il cedimento di un muro in via Roma.

Alberi abbattuti dal vento