Musica

Musica, Elisa Superstar al PalaCatania: festa per le orecchie tra vecchi e nuovi successi

La cantante friulana ha deliziato il pubblico del PalaCatania con oltre due ore di concerto: "La vostra terra è davvero unica, il vostro calore è unico".

Scatenata, brillante, simpatica, solare e vogliosa di trasmettere ciò che di più ama fare nella vita. Il concerto di ieri sera di Elisa al PalaCatania è stato un ottimo riassunto di una carriera lunga ormai più di un ventennio, tra le canzoni dell’ultimo album “Diari aperti” corredati da vecchi successi, come il bellissimo medley (Broken, Labyrinth, Cure me e No Hero) che ha cantato a concerto avviato.

Tanti i temi attuali trattati con naturalezza dalle sue canzoni, come il grido allo “Stop femminicidio” con la sua In piedi (“…che ci siamo quasi e in tanti pensano che siamo uguali;
in piedi, che sogno i pensieri che non siamo più così lontani“) e i palloncini rossi su spalti e parterre; o ancora una preghiera a favore del clima, con la sua A prayer e Greta Thunberg e le relative manifestazioni, sullo sfondo del palco.

Il concerto è stato aperto dall’artista italo-australiano Michael Leonardi, di chiare origini catanesi da parte di madre come da lui stesso raccontato, che ha deliziato il pubblico con tre suoi pezzi. Poi il via di Elisa con Quelli che restano, scritta e cantata con il maestro Francesco De Gregori, e Promettimi; altri due featuring, rispettivamente con Rkomi per Blu e con Carl Brave per Vivere tutte le vite, hanno fatto cantare il pubblico pagante, con i due artisti proiettati virtualmente. Escalation di emozioni con le intramontabili Eppure sentire, Heaven e Luce (tramonti a nord est), canzone che l’ha ufficialmente consacrata grazie alla vittoria al Festival di Sanremo 2001.

C’è stato ampio spazio anche per Soul, ultimo successo in scala temporale, la storica Together e l’encore con Gli ostacoli del cuore e la dolcissima A modo tuo, scritte entrambe da Luciano Ligabue.

A distanza di tre anni meno un giorno, con l’ultima apparizione in terra catanese datata 7 dicembre 2016 ad Acireale, l’artista triestina è tornata in Sicilia carica di energia, dicendo di aver apprezzato ancora una volta odori e sapori siculi, citando e omaggiando cannoli siciliani, brioche e granite, arancini e dichiarando di “aver messo su un chilo e mezzo in appena due giorni“.

SCALETTA UFFICIALE PALAZZETTI (CATANIA, 06/12/2019):

  1. Quelli che restano
  2. Promettimi
  3. Anche Fragile
  4. Tua per sempre
  5. Blu part II (feat. Rkomi)
  6. Eppure sentire
  7. Heaven
  8. Luce
  9. The waves
  10. Ogni istante
  11. In piedi
  12. Se piovesse il tuo nome
  13. L’anima vola
  14. Stay
  15. Rainbow
  16. A prayer
  17. Vivere tutte le vite (feat. Carl Brave)
  18. Medley – Broken, Labyrinth, Cure me, No hero
  19. Soul
  20. Together
  21. Gli ostacoli del cuore
  22. A modo tuo

Rimani aggiornato

Università di Catania