Cronaca

Catania, rapinava donne a caccia di oro e preziosi: arrestato scippatore

L'uomo agiva col volto coperto da un casco per motociclisti, ma le segnalazioni incrociate ne hanno permesso l'identificazione e, in seguito, l'arresto.

Arrestato rapinatore seriale a Catania. L’uomo, Massimo Maria Mirenda, anni 46, aveva già compiuto diverse rapine nel capoluogo etneo tra centro e periferia. L’ultimo colpo, rivelatosi decisivo per la Polizia, ieri mattina, quando intorno alle 08:30 la Sala Operativa della Questura era arrivato l’allarme per una rapina appena commessa ai danni di una donna, all’interno di una tabaccheria in via Vittorio Emanuele. Mirenda aveva agito col volto coperto da un casco per motociclisti.

Mezz’ora dopo alla Sala Operativa era arrivata un’altra segnalazione di una rapina, anche in questo caso ai danni di una donna, consumata all’interno dell’androne di un condominio in corso delle Province. Ancora una volta il rapinatore indossava un casco da motociclista, molto somigliante, nella descrizione, a quello del precedente colpo.

Non pago, Mirenda aveva provato, uscito dallo stabile, a impossessarsi della collana in oro di un’altra donna, non riuscendo nell’intento per l’energica resistenza della vittima. Gli investigatori, in possesso delle descrizioni del malvivente e del suo abbigliamento, si sono messi alla sua ricerca finché, nei pressi di piazza S. Domenico, hanno individuato un uomo accanto a un motociclo con targa illeggibile che, avvedutosi della loro presenza, entrava repentinamente all’interno di un bar.

L’azione non è sfuggita alle forze dell’ordine, che lo hanno bloccato all’interno dei servizi igienici, dove aveva tentato di nascondersi. Sottoposto a perquisizione personale, nei pantaloni è stata trovata la refurtiva: un anello d’oro con brillante, un paio di orecchini sempre in oro e un orologio. La refurtiva è stata restituita alle vittime e Mirenda è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza di Catania.