News

Sicilia, Ferragosto fatale: muore dopo il “bagno di mezzanotte”

Un morto, un disperso e due giovani salvati quasi per miracolo. Questa la conta delle perdite della notte di Ferragosto, quando il mare non è stato clemente con chi si è tuffato nella notte.

Il bagno di mezzanotte a Ferragosto, oltre al falò sulla spiaggia, è un vero must della notte del 15, ma questa volta è stato fatale per un bagnante, mentre altri hanno rischiato grosso. Fatale il tuffo notturno per il 54enne Antonio Badalamenti, tornato in Sicilia da Chicago, negli Stati Uniti, dov’era emigrato. Il corpo dell’uomo, tuffatosi in mare ad Aspra, nel palermitano, è stato ritrovato dopo lunghe ricerche ormai senza vita dai militari della Capitaneria di Porto che  hanno scandagliato lo specchio d’acqua davanti al lungomare.

Ancora in provincia di Palermo, due giovani hanno rischiato di affogare a Isola delle Femmine. Solo la prontezza dei bagnanti, attivatisi per creare una catena umana e mettere i due in salvo, ha impedito il peggio. Questi, infatti, non riuscivano a tornare a riva, complice forse il mare agitato in più punti della Sicilia in questi giorni.

Infine, disperso dalla scorsa notte dell’altro ieri anche un 24enne originario della Tunisia, scomparso davanti alla costa di Torretta Granitola, nel trapanese. A dare l’allarme sono stati i suoi compagni, mentre le ricerche vanno avanti senza notte dalle 2 della scorsa notte. Le ricerche sono coordinate dagli uomini della Capitaneria di porto di Mazara del Vallo che in nottata sono stati coadiuvati dall’equipaggio di un velivolo dell’aeronautica militare di Birgi e dai vigili del fuoco del distaccamento di Castelvetrano.

Rimani aggiornato