Attualità

In arrivo la Superluna: l’ultima dell’anno per salutare la primavera

Immagine di repertorio.
L'Equinozio di Primavera di quest'anno preannuncia una piacevole sorpresa per chiunque abbia voglia di stare con la testa in su nella notte tra il 20 e il 21 marzo. Si tratta di un evento raro e che non si ripeterà prima del 2030.

Sarà un’apertura di primavera col botto quella del 2019. Nella notte tra il 20 e il 21 marzo, infatti, in corrispondenza dell’equinozio, basterà alzare gli occhi al cielo per godersi la vista della Superluna, la terza e ultima occasione dell’anno per vedere all’apice dell’ottimale a occhio nudo il nostro satellite.

L’astrofisico Gianluca Masi già qualche tempo fa ha spiegato come ciò sia possibile: “Durante il crepuscolo la luce solare residua consente di ammirare il paesaggio terrestre mentre la Luna piena si alza o cala sull’orizzonte. Di notte la sua luce è molto intensa, quasi abbagliante, rispetto a quella molto discreta del panorama. Al suo sorgere, la Luna si proietta dietro palazzi ed elementi del paesaggio, generando la sensazione che il suo disco sia più grande, ma è solo un’illusione ottica, dovuta appunto alla presenza nel campo visivo di termini di paragone, tratti dall’ambiente”.

L’occasione è rarissima, si tratta di una coincidenza che non potrà avvenire nuovamente prima del 2030. A poche ore dall’Equinozio di Primavera, che quest’anno avverrà alle 22:58 del 20 marzo, per l’esattezza alle 02:43 del 21 marzo, sarà possibile osservare la Luna nella sua fase piena.