Medicina Odontoiatria Ostetricia Scienze del Farmaco e della Salute Società Università di Catania

UNICT – Uno studio condotto dall’Università di Catania ci spiega come ridurre l’eccessiva sudorazione

wpid-sudorazione-eccessiva-combatti-l_iperidrosi-col-botulino.jpg

Siamo in estate, le temperature salgono e si suda anche stando fermi.
Anche se alcuni soggetti lo fanno in maniera eccessiva, e questo è causa spesso di fastidio ed imbarazzo. Ma secondo uno studio condotto dalla Clinica Dermatologica dell’Università di Catania su 3000 soggetti è possibile rimediare, stando attenti al prodotto che si usa tra deodoranti ed antitraspiranti.

Infatti lo studio ha rivelato che chi è affetto da eccessiva sudorazione nel 54% dei casi usa deodoranti, e nel 31% antitraspiranti. Ma questi prodotti presentano delle differenze. E inoltre, il nostro corpo ha due ghiandole sudoripare, le ghiandole aprocrine ed eccrine, che producono reazioni differenti.
Una reazioni è quella che comporta una sudorazione eccessiva ma inodore (iperidrosi). La seconda reazione è localizzata nelle ascelle ed è caratterizzata da un odore pungente e sgradevole, (bromoidrosi).

La soluzione è che in casi di sudorazione eccessiva, i soggetti usino antitraspiranti, che formano come un tappo occlusivo impedendo la fuoriuscita del sudore ed il suo parziale riassorbimento.
Nel caso di bromoidrosi, è indicato l’uso di deodoranti perché grazie a sostanze battericide e/o batteriostatiche, intrappolano le sgradevoli fraganze e le mascherano.

Quindi il problema si risolve stando attenti al prodotto da scegliere in relazione al tipo di sudorazione che ci caratterizza per il cui utilizzo differiscono.
Il problema di sgradevoli odori o eccessiva sudorazione,  usando attentamente deodoranti o antitraspiranti,  non risolverà definitivamente il problema, ma di sicuro servirà ad attenuarlo e a ridurlo.

A proposito dell'autore

Manfredi Restivo

Nato a Piazza Armerina ma cresciuto a Nicosia, laureando in Giurisprudenza presso l'Università di Catania, appassionato di libri, musica e sport, calcio e formula 1 su tutti, ha unito nel tempo la passione per il giornalismo iniziando a collaborare con la redazione di LiveUnict.