Arte Attualità Musica

Intervista a Mario Venuti per l’uscita di Kamikaze Bohemien, l’album ritrovato dei Denovo

1476214_671428186228471_273754767_nI DENOVO, una delle band più cult della scena rock italiana, festeggiano i 30 anni del loro esordio discografico, avvenuto nel 1984 con l’ EP “Niente Insetti su Wilma”, con la pubblicazione di un album nuovo di zecca: “KAMIKAZE BOHEMIEN” che contiene dodici brani di cui otto totalmente inediti e quattro precedentemente editi in altra versione, pubblicati qui nella loro veste originale. Nel 1984 i Denovo registrarono i loro primi pezzi, nel Gas Studio di Firenze proprio sotto la guida del produttore Francesco Fracassi (lo stesso studio dove qualche mese dopo furono registrati “Siberia” dei Diaframma e “Eneide“ dei Litfiba. A quelle registrazioni parteciparono come ospiti anche Ghigo Renzulli chitarra storica dei Litfiba e Francesco “Frank” Nemola tromba e trombone da anni fido collaboratore di Vasco Rossi). Durante quelle sessioni, furono registrati questi dodici pezzi. Alcune tracce trovarono posto, in diversa versione, nell’EP Niente Insetti su Wilma, le restanti vennero messe da parte in attesa di essere incise in seguito. Con il tempo quelle registrazioni vennero completamente dimenticate. Nel 2013, nel solco della migliore tradizione rock, riordinando una cantina, Francesco Fracassi, storico manager e produttore di Denovo e Piccola Orchestra Avion Travel, ha ritrovato casualmente due nastri Ampex 16 tracce con le registrazioni in una sua cantina a Venezia. Stupiti, ma soprattutto entusiasti per il ritrovamento, cogliendo anche l’occasione del trentennale dell’uscita di quell’EP, Fracassi e i Denovo, decidono di restaurare le bobine ed pubblicare finalmente tutti i brani rimasti inediti per 30 anni. Col trasferimento delle tracce analogiche in file digitali è stato possibile mixare i brani che, grazie alla tecnologia odierna, suonano come mai avrebbero potuto all’epoca con un risultato davvero sorprendente. Kamikaze Bohemien uscirà in cd il 15 Maggio 2014, mentre è già uscita la versione in vinile a tiratura limitata il 19 Aprile 2014 per il Record Store Day, sempre per l’etichetta ViceVersa Records.


Era il 1983 quando al Gas Studio di Firenze furono registrati dodici pezzi, ma ne uscirono solo tre ed il resto fu messo da parte. Nel 2013 il vostro manager e produttore Francesco Fracassi, riordinando una cantina che aveva a Venezia ha ritrovato le pizze multitraccia di quelle registrazioni. L’idea di pubblicare finalmente questo materiale inedito è partita da lui?

Si, devo ammettere che l’idea è partita da lui. Noi eravamo presi da altre cose, non ricordavamo più quelle registrazioni. Lui ci ha ricordato del fatto che erano passati trent’anni dal 1984, e cioè da quando abbiamo pubblicato il nostro primo disco, e quindi ci ha proposto di festeggiare il trentennale pubblicando questi pezzi.

In quel periodo Firenze era il centro della scena new wave, e per citare alcuni nomi mi vengono in mente i Litfiba, i Diaframma, i Neon. Kamikaze Bohemien respira quell’aria, ma è anche un album di ricerca, ed una commistione di vari generi. Che ricordi hai di quel periodo?
All’epoca Catania non era attrezzata a livello di studi di registrazione, soltanto negli anni ’90 si è strutturata la Cyclope Records, quindi a Firenze negli anni ’80 abbiamo usufruito delle cose che invece già c’erano. Con i Litfiba abbiamo partecipato al Festival di Bologna, loro arrivarono primi e noi secondi, e a quelle registrazioni partecipò anche Ghigo Renzulli, mentre Maroccolo transitava di tanto in tanto nello studio di registrazione. C’era una certa amicizia, non c’era una rivalità come invece si potrebbe pensare tra i gruppi che c’erano in quel periodo sulla scena.

Qual è stata la reazione quando avete ascoltato i pezzi al di là dell’impatto emotivo?
La qualità. Sai quando tu magari fai una cosa fatta tanti anni prima e non la ritieni degna di essere pubblicata? Qui invece è stato il contrario, ci sono delle cose che fai a vent’anni e che magari non farai più, ma che hanno una freschezza che con la maturità puoi perdere… certo, con la maturità guadagni altro, ma quello che hai fatto tanti anni prima è una fotografia di quegli anni.denovo-kamikaze-bohemien-2014

Jonathan Giustini con il libro “Tempi di libero rock”, attraverso la storia dei Denovo ha ripercorso la storia culturale di un’intera città, precisamente dal 1982 al 1990, e che aveva consacrato Catania come Seattle d’Italia. Tu sei nato a Siracusa, ma hai vissuto a Catania, e quest’ultima è sicuramente cambiata rispetto a quel periodo. Credi che ancora oggi possa ancora fregiarsi di quel titolo?
Onestamente non più. Ultimamente Palermo ci ha di gran lunga superato per quello che riguarda la Sicilia. Palermo è dinamica, ci sono musicisti come Dimartino, Nicolò Carnesi ed altri. A Catania c’è sicuramente una scena, come non ricordare Cesare Basile, ma lui già fa parte della mia epoca. Ci sono altri artisti, magari ora mi sfugge qualche nome, ma è una scena sonnolenta.

Questa è una domanda personale, è più un ricordo che altro. Era il 1999, accendevo la radio e spesso trasmettevano un tuo pezzo da solista, “E’ già domani”. L’ultima strofa recita “volere troppo è come non volere niente”, pensi che questa frase abbia ancora una valenza?
Credo che le canzoni valgano per quell’attimo. Non voglio smitizzarla, ma credo che le canzoni non siano un qualcosa di definitivo, non sono la cassazione, vanno prese per quello che sono, ed un’altra canzone può contraddire quell’altra.

Progetti futuri come solista e come Denovo?
I progetti come Denovo consistono in piccoli showcase, piccole presentazioni di questo disco, ma non credo che ci saranno dei concerti veri e propri. Come solista invece vi è il lavorazione il mio nuovo disco che uscirà l’autunno prossimo.

10294334_692873914083898_631813139800672231_n