Attualità Società Tecnologia e Social

Da Pechino arriva lo smartphone che si ricarica con le carezze

Che lo studente si trovi a lezione, in un’aula studio, in giro con gli amici o anche nella propria stanza con i libri aperti, non può non avere con sé uno smartphone. Tra WhatsApp, Facebook, email ed altre app, i giovani fanno un uso continuo del cellulare, che spesso li costringe a portare con sé i caricabatterie fissi o mobili.

smartphone_batteri

Da Pechino arriva una novità: sarà possibile ricaricare il proprio smartphone con una carezza. Difatti è la Peking University la prima ad avere prodotto un generatore, definito “steg”, che permette di produrre energia, accarezzando lo smartphone. L’operazione sarebbe possibile tramite uno schermo trasparente, che dovrebbe essere applicato sugli smartphone e dovrebbe fungere da conduttore. Sarà dunque il corpo umano a produrre elettroni e a far caricare il proprio cellulare. Si tratta di una piccola invenzione, riportata sulla rivista Applied Physics Letters, che ha molte potenzialità: la stessa tecnica potrebbe essere usata in futuro per corpi più grandi.

Se questa innovazione dovesse arrivare anche in Italia, non si avrà più la preoccupazione di avere il telefono sempre carico ma, soprattutto, gli studenti dovranno essere ancora più bravi a non cedere alle “tentazioni tecnologiche”.

Alessia Costanzo

Laureata in Lettere Classiche, attualmente è coordinatrice della redazione della testata LiveUnict e lavora come copywriter. Dopo aver scoperto il Content marketing, la sua passione per la comunicazione si è trasformata, legandosi ai Social media, alla SEO e al Copywriting.

Altro... app, applied physics letters, carezza, carezze, conduttore, corpo umano, elettroni, email, facebook, giovani, invenzione, peking university, potenzialità, ricaricare, schermo, smartphone, steg, tecnologie, tentazioni
Nel 2014 il corteggiamento è anche su Facebook

Il fatto che Facebook abbia cambiato per sempre le nostre abitudini è certo, ma che succede nella nostra bacheca dopo...

Telegram, l’app che ha rubato 5 milioni di utenti a WhatsApp

Dopo il crollo di Wall Street, una delle catastrofi più grandi della storia è avvenuta nel 2014, circa una settimana...

Chiudi