Attualità Film Telefilm Serie televisive

Cala il sipario sulla 59a edizione del Taormina Film Festival

Dal 15 al 22 giugno, nello splendido scenario che si affaccia sullo Ionio, si è svolto il festival internazionale del cinema. Non sono state poche le sorprese che hanno fatto da cornice ai tanti eventi previsti.

La prima sera è stata la volta dell’anteprima di Man of steel (L’uomo d’acciaio). A presentarla, direttamente i protagonisti Russell Crowe, Henry Cavill, Amy Adams e il regista Zach Snyder.  A chiudere la serata, il discorso in italiano letto da Russell Crowe concluso con << Forza e onore, Italia>>.

Un’ondata di internazionalità che ha letteralmente fatto impazzire i fans.

Tra i film apprezzati dal pubblico, Cha Cha Cha con Luca Argentero, Eva Herzigova e diretto da Marco Risi. Una proiezione italiana che ha fatto ricredere, in maniera positiva, sulle doti artistiche dei due giovani attori.

Tra gli altri anche Trance (In trance) con Vincent Cassel, James McAvoy, Rosario Dawson e diretto da Danny Boyle. Un trama accattivante, un turbinio di immagini che ha incollato gli appassionati di cinema alle poltrone fino ai titoli di coda.

Tra gli artisti che si sono dati il cambio durante la settimana ricordiamo Giuseppe Tornatore, il principe Alberto di Monaco, Ronn Moss, Meg Ryan, Lino Banfi, Alessandro Siani, Jeremy Irons, Marisa Tomei.

Sfortunatamente, a gettare un velo di tristezza, appena due giorni prima della sua apparizione al festival,  è stata la morte prematura e inaspettata dell’attore James Gandolfini, figura di punta del telefilm I Soprano.

Il suo workshop era il più atteso sia dal pubblico che da lui stesso. L’attore, infatti, aveva fortemente voluto un incontro diretto con i giovani nella madrepatria del suo personaggio. A ricordare la sua grande attività di attore è stato un memorial organizzato dalla direzione artistica del festival.

Un festival ricco di attori, eventi e sorprese. Un festival che ogni anno lascia una traccia imponente nel panorama del cinema mondiale.

Come ha già annunciato il direttore artistico del festival Mario Sesti, “É il festival dei record”. Il numero di spettatori è cresciuto del 30%. Non si è mai visto un Teatro greco così pieno di gente, tantissime presenze per anteprime di film spettacolari. Il tutto grazie al lavoro di uno staff datato, quello di Tiziana Rocca, general manager del festival e degli stagisti volontari delle università di Catania e Messina che, nel loro piccolo, hanno aiutato a rendere unica una manifestazione con una grande valenza storica.