Catania

Si fingeva assistente sociale e derubava anziani in tutta Italia: arrestata nel Catanese

anziani
Una donna originaria del Catanese era solita truffare, con l'aiuto di alcuni complici, anziani in tutta Italia. Ecco come agiva.

Fortunata Sesta (di 35 anni) è stata arresta dai carabinieri di Belpasso, su disposizione dell’Ufficio esecuzioni penali della Procura presso la Corte d’Appello di Messina, per i reati di sostituzione di persona, furto aggravato in concorso, furto in abitazione aggravato e rapina aggravata nei confronti di ultrasessantacinquenne.  Dovrà ora scontare un periodo di reclusione di 18 anni, 11 mesi e 3 giorni.

La 35enne, parte di un gruppo nomade dei “caminanti” stabilmente dimorante nel belpassese, avrebbe portato avanti diverse truffe ai danni di anziani in tutta Italia ma non da sola. La donna, di fatto, sarebbe stata aiutata da complici. Insieme a questi, la donna sceglieva una vittima, solitamente tra anziani che abitavano casa in solitudine. Con questi fingeva di essere un’assistente sociale o dipendente dell’Asp incaricata di aiutarli per l’espletamento, per esempio, di pratiche burocratiche.

Secondo le prime ricostruzioni, la donna si occupava di intrattenere l’anziana vittima, mentre il complice di turno saccheggiava l’abitazione e sottraeva ogni avere.  In alcuni casi gli anziani si sarebbero accorti solo dopo diverso tempo dei furti subiti.

Attualmente la donna si trova presso il carcere catanese di Piazza Lanza.

Università di Catania