Catania

Pasqua 2022 a Catania e provincia: cosa fare e dove andare

Pasqua 2022 alle porte: si comincia ad organizzare pranzi, scampagnate e, perché no, gite da soli o in compagnia. Cosa c'è da fare, se si resta a Catania e provincia? Ecco qualche consiglio.

La Pasqua 2022 si avvicina: l’Italia torna a celebrare questa festività in semilibertà, dopo due anni trascorsi in lockdown totale prima,  in zona rossa poi. Tornano dunque i pranzi in famiglia e le scampagnate di gruppo tipiche di questo periodo. C’è anche chi, tuttavia, preferirà trascorrere la festività in modo diverso, approfittando degli eventi pensati ad hoc per la giornata. Ma di quali si tratta? Ecco alcune idee su cosa fare e dove andare a Catania e provincia.

Luoghi della cultura: porte aperte a Pasqua

Certamente occorre ricordare che, per queste festività pasquali, la gran parte dei musei e dei siti archeologici ha deciso di tenere le proprie porte aperte e accogliere quanti più turisti. A Catania, ad esempio, resteranno regolarmente aperti il Teatro romano e l’Odeon, così come la Casa Museo Verga, tramite la quale sarà possibile conoscere in maniera più approfondita la vita del celebre scrittore catanese.

Non solo: sarà possibile, anche per Pasqua, visitare la mostra dedicata alle 100 opere degli artisti Andy Warhol e Banksy, per la prima volta messi a confronto negli ambienti del Palazzo della Cultura. Fuori la città etnea ma sempre entro la sua provincia, più nello specifico a Caltagirone, sarà infine regolarmente aperto il Museo della Ceramica.

Dalla spiaggia all’Etna: altre idee

I musei non allettano? La provincia di Catania è una delle poche che offre numerosissime alternative: si va da una passeggiata in centro storico fino a un picnic sulla spiaggia, con il mare a fare da sfondo.

Ma non è finita qui. Si potrebbe inoltre optare per un’escursione sull’Etna, magari con l’obiettivo di ammirare il tramonto dai Crateri Silvestri: un’esperienza, questa, unica e irripetibile.

Pasqua da gustare

Si potrebbe pensare, inoltre, di trascorrere una giornata all’insegna del cibo. A tal proposito,  dolci tipici della giornata pasquale sono certamente la cuddura cu l’ova, anche detti aceddi cu l’ova: dolci a forma di cestino o colomba caratterizzati dalla presenza di uno o più uova intere incorporate, nati per augurare serenità e abbondanza nelle tavole delle famiglie.

Si potrebbe dunque rimanere in casa, sperimentando in cucina, o in alternativa raggiungere uno dei tanti ristoranti, agriturismi o bar che quest’anno resteranno aperti, permettendo di assaggiare le prelibatezze tipiche della provincia etnea.

Meteo favorevole?

A Catania, dunque, c’è tanto da fare: l’unico dubbio resta legato al meteo. Secondo quanto previsto da ilMeteo.it, infatti, la domenica di Pasqua potrebbe essere piuttosto piovosa, specialmente nella fascia oraria prevista tra le 14 e le 20.

Tuttavia, non c’è da disperare: qualora dovesse essere impossibile godersi la Pasqua fuori, si potrà sempre attendere la Pasquetta, giornata per cui sono previste temperature primaverili e un bel sole.

Le festività pasquali, dunque, dopo due anni tornano a profumare di normalità: nel Catanese non resta che godersele al meglio tra arte, cibo e natura.