News Sicilia

Tragedia a Ravanusa, trovate altre due vittime: si cercano i dispersi

selene vittima ravanusa
Trovate stamattina altre due vittime della tragedia avvenuta a Ravanusa. Disperse ancora due persone tra le macerie.

In seguito all’esplosione avvenuta a Ravanusa, i Vigili del Fuoco continuano a cercare le vittime coinvolte nella tragedia. Dopo una lunga nottata di scavi, sono stati ritrovati quattro corpi, fra i sei dispersi, sotto le macerie della palazzina crollata.

Adesso, i morti sono sette, due sono ancora dispersi, mentre sono cento gli sfollati. Fortunatamente, due donne sono state estratte vive dalle macerie e non risultano bambini fra i dispersi. “La notizia secondo la quale ci sarebbero stati due minorenni tra le macerie della palazzina crollata ora è stata smentita“, ha detto il sindaco di Ravanusa, Carmelo D’Angelo.

I corpi sono stati ritrovati dai vigili del fuoco nel il terzo piano del palazzo crollato. I corpi sono stati anche identificati: si tratta dei corpi di Selene Pascariello e di suo marito Giuseppe Carmina, che erano andati a trovare i genitori di quest’ultimo, Angelo Carmina e Enza Zagarrio.

Le vittime trovate stamattina sono state segnalate grazie a Luna, Labrador in dotazione ai vigili del fuoco.  Il cane, una femmina di sei anni, ha individuato subito un primo corpo, portando sulle tracce degli altri.

Inoltre, si ricorda che la causa dell’esplosione sia dovuta ad una grossa fuga di gas dalla tubatura del metanodotto. Il comandante dei vigili del fuoco di Agrigento, Giuseppe Merendino, ha detto che “il gas si è accumulato o nel sottosuolo o in un ambiente chiuso. A innescare l’esplosione potrebbe essere stata anche l’attivazione dell’ascensore. Nei prossimi giorni faremo accertamenti più approfonditi, certo è che una esplosione così è un evento eccezionale”.