Scuola

Scuola, approvato nuovo documento: cosa succede se uno studente risulta positivo

scuola covid quarantena studente positivo
Varato nuovo documento su quarantena a scuola in caso di uno o più positivi in classe. Cosa cambierà e quali sono le differenze tra gli studenti vaccinati e non.

È stato approvato il nuovo documento con le indicazioni per quanto riguarda le quarantene a scuola in caso di contagio da covid-19. In tale documento, che sarà diffuso negli edifici scolastici a partire dai prossimi giorni, si prevede che non si debba ricorrere alla Dad in caso di un solo studente positivo. Inoltre, se sono due gli studenti positivi, è prevista una quarantena “selettiva” a seconda se si sia vaccinati o meno, mentre si resta tutti a casa se i casi sono almeno tre, sia tra gli alunni che tra i docenti.

Inoltre, il nuovo protocollo prevede che ad intervenire per risalire ai contatti in caso di positività debba essere il Preside e il Referente covid scolastico e non l’Asl. La scuola deve poi comunicare le disposizioni da intraprendere agli studenti (o ai genitori, in caso di minorenni) e agli insegnanti che sono venuti a contatto con il positivo entro le 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi o l’esecuzione del tampone. In seguito, il referente Covid dovrà comunicare all’Asl le misure adottate.

Cosa succede se c’è un solo positivo

In caso di un solo studente positivo, i compagni dovranno effettuare un tampone il prima possibile e in caso di negatività potranno rientrano subito a scuola ed effettuare un tampone 5 giorni dopo.

La situazione è differente per i docenti che hanno svolto attività in presenza nella classe dell’alunno positivo (o che hanno svolto attività in compresenza con il collega positivo). Infatti, se sono vaccinati faranno il test e resteranno a scuola, se non lo sono andranno in quarantena per 10 giorni anche se il primo test è negativo. Tuttavia, potranno rientrare se il nuovo tampone dà il via libera. Per le altre classi non sono previsti provvedimenti, salvo disposizioni diverse dell’Asl. 

La situazione con più positivi

In caso ci fossero due studenti positivi, gli alunni vaccinati e dunque immunizzati negli ultimi 6 mesi potranno continuare la didattica in presenza effettuando i due tamponi a distanza di 5 giorni. Invece, gli studenti non vaccinati dovranno andare in quarantena per 10 giorni effettuando i due tamponi.

Nel caso in cui, gli studenti positivi fossero tre, la classe dovrà andare in quarantena effettuando i tamponi, la differenza in questo caso consiste nel fatto che, i vaccinati faranno la quarantena di 7 giorni e i non vaccinati di 10. In queso caso, inoltre, è prevista la didattica a distanza.