Catania

Catania, cosparge la madre di benzina e tenta di darle fuoco: si rifiutava di dargli i soldi

A Catania, un uomo di 35 anni tenta di bruciare viva la propria madre, dopo averla cosparsa di benzina. La motivazione legata a fattori economici.

Ennesimo episodio grottesco a Catania, dove un uomo di 35 anni è stato denunciato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania per lesioni, minacce ed evasione. Il fatto in viale Grimaldi, nel quartiere di Librino, all’interno dell’abitazione della madre del giovane.

Quest’ultima, infatti, è stata minacciata dal figlio, che ha tentato di bruciarla viva dopo averla cosparsa di benzina. La richiesta d’aiuto è partita proprio dalla donna, che ha chiamato il 112. Arrivati sul posto, i militari hanno sentito un forte odore di benzina nelle scale del palazzo e hanno trovato la donna priva di sensi, assistita da alcune persone che tentavano di rianimarla.

⁠Il figlio, che era giunto in casa della donna, era evaso dagli arresti domiciliari della sua casa di via Domenico Tempio, per chiedere del denaro. Dopo la lite, il tentativo di omicidio. L’uomo, infatti, aveva portato con sé una bottiglia di benzina e, al rifiuto della madre, l’aveva cosparsa di benzina e l’aveva inseguita con un accendino.

⁠A salvare la situazione il fratellastro, che è intervenuto e ha disarmato il 35enne, costringendolo alla fuga. I militari hanno soccorso la donna e chiamato il 118. Un’altra pattuglia si è recata presso l’abitazione dell’uomo, che è stato fermato mentre stava rientrando in casa.