Catania

Vaccini Sicilia, 4 nuovi hub nel Catanese: ecco dove

In provincia di Catania, dalla prossima settimana, saranno allestiti altri 4 hub vaccinali. Di seguito ulteriori informazioni. Nel frattempo proseguono vaccinazioni per determinate categorie.

La Sicilia prova ancora ad accelerare sui nuovi vaccini. Dalla prossima settimana a Catania saranno attivi 4 nuovi hub vaccinali. Martedì 18 maggio saranno aperti al pubblico i centri vaccinali di Acireale, Misterbianco e Sant’Agata Li Battiati, ai quali si aggiungerà successivamente quello di Caltagirone. Si potenzia così la rete dei Centri vaccinali dell’area metropolitana di Catania per puntare al target delle 11.000 vaccinazioni giornaliere.

Rimangono operativi tutti i Punti di Vaccinazione, esclusi i PVO e dei PVT di Acireale e di Caltagirone, e dei Punti di Vaccinazione dei PTA “San Luigi” e “San Giorgio” di Catania. Le seconde dosi già programmate in tali centri saranno somministrate rispettivamente negli hub di Acireale, Caltagirone, Sant’Agata Li Battiati e Misterbianco. Gli utenti saranno avvisati tramite SMS del cambio della sede di vaccinazione, rimangono invariati data e orario già comunicati.

Asp Catania: i nuovi hub attivi

Con l’innesto di questi 4 nuovi Hub si rafforza la rete vaccinale dell’Asp di Catania, secondo le indicazioni del Governo Musumeci e grazie alla sinergia con il commissario per l’emergenza Covid, il Dipartimento regionale della Protezione Civile e le Amministrazioni comunali – afferma il dott. Maurizio Lanza, manager dell’Asp di Catania -. Nella programmazione abbiamo voluto valorizzare il principio della prossimità dei servizi, in modo da venire incontro alle esigenze dei cittadini, e garantire un’ampia offerta sul territorio”.

L’impegno dell’Asp di Catania è rivolto a “massimizzare tutte le risorse disponibili sul territorio – aggiunge il Dott. Lanza – per garantire i più alti livelli di operatività e funzionalità di tutti i Centri. Sganciamo dalla rete i Punti di Vaccinazione degli Ospedali di Acireale e Caltagirone, e dei PTA “San Lugi” e “San Giorgio” i cui servizi potranno così ritornare alla normale erogazione quotidiana”.

Gli Hub di Acireale e Caltagirone saranno dotati di oltre 50 box vaccinali, con una potenzialità di 1000 somministrazioni giornaliere. A Sant’Agata Li Battiati i box saranno 45 e a Misterbianco 20. Queste strutture a regime potranno vaccinare rispettivamente 700 e 500 utenti al giorno.

Stiamo progressivamente avvicinandoci all’avvio della vaccinazione di massa – aggiunge il Dott. Antonino Rapisarda, direttore sanitario dell’Asp di Catania -. Stiamo dotando le nuove strutture delle risorse umane e strumentali necessarie. Abbiamo già maturato una significativa esperienza sul campo e siamo pronti, forti anche della collaborazione con i medici di medicina generale, a questa nuova accelerazione per ritornare alla normalità prima possibile”.

Oltre ai 4 nuovi Hub, nei prossimi giorni, sarà anche operativo un nuovo drive in permanente, allo Stadio di Acireale, in corso di allestimento.

Vaccini Catania: chi può vaccinarsi senza prenotazione

Anche presso i nuovi Hub potranno ricevere il vaccino, senza prenotazione, i cittadini dai 16 anni in su, con comorbilità rientranti nelle seguenti aree:

  • malattie respiratorie;
  • malattie cardiocircolatorie;
  • malattie neurologiche;
  • diabete/altre endocrinopatie;
  • HIV;
  • insufficienza renale/patologia renale;
  • ipertensione arteriosa;
  • malattie autoimmuni/immunodeficienze primitive;
  • malattia epatica;
  • malattie cerebrovascolari;
  • patologia oncologica.

Basterà esibire un certificato rilasciato dallo specialista o dal medico di medicina generale che attesti lo stato di salute dell’utente secondo le categorie riportate nelle tabelle ministeriali di dettaglio.

Le vaccinazioni proseguiranno anche per le seguenti categorie:

  • cittadini d’età pari o superiore a 80 anni;
  • soggetti di ogni età appartenenti alla categoria prioritaria ad “elevata fragilità” (così come indicato dal Piano vaccinale nazionale). Anche per loro basterà esibire un certificato rilasciato dallo specialista o dal medico di medicina generale che attesti lo stato di salute secondo le categorie riportate nelle Tabelle ministeriali;
  • insegnanti e operatori della scuola.

Per tali target e per i soggetti d’età compresa fra i 50 e i 59 anni senza patologie (nati dal 1962 al 1971), è comunque possibile prenotare la vaccinazione tramite la piattaforma di Poste Italiane. Dal 17 maggio, inoltre, saranno aperte le prenotazioni anche per gli over 40.

Rimani aggiornato