Catania

Catania, 40km di piste ciclabili entro il 2023: progetto e percorso

Lungomare Catania
Il bando di concorso è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Europea. Ecco cosa prevede il progetto e il percorso delle piste ciclabili.

Catania si doterà di 40km di piste ciclabili nei prossimi anni, entro il 2023. Il programma lanciato dalla giunta Pogliese per dare impulso alla mobilità sostenibile in città prende forma con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale Europea del bando di Progettazione per la realizzazione delle Reti Della Mobilità Dolce per la Sostenibilità Urbana della Città Catania. Il bando di concorso è stato pubblicato sulla piattaforma Concorsi del Consiglio Nazionale degli Architetti e sul sito del Comune.

La base d’asta è di 190mila euro. Alla definizione del Concorso hanno partecipato numerosi ordini professionali, ma è frutto anche di un articolato e costruttivo confronto con le associazioni ambientaliste, dei cicloamatori e il partenariato sociale, con il coordinamento dell’assessore Sergio Parisi e del Direttore delle politiche comunitarie Fabio Finocchiaro.

Piste ciclabili a Catania: il progetto e le dichiarazioni di Pogliese

L’iter progettuale prevede la realizzazione di un vero e proprio piano delle reti ciclabili urbane, ovvero circa 40 chilometri di piste ciclabili, nel rispetto del Piano Generale del Traffico Urbano approvato nel 2012, per cambiare radicalmente le abitudini di mobilità dei cittadini e proiettare Catania al livello delle città italiane più virtuose per la sostenibilità ambientale del movimento delle persone.

Particolarmente soddisfatti per l’avvio dell’iter attuativo dell’intervento, a conclusione di un lungo lavoro preliminare, il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore alle Politiche Comunitarie e allo Sport Sergio Parisi. “Fin dal primi giorni del mio insediamento – ha dichiarato Pogliese – ho voluto ascoltare le proposte degli Ordini Professionali e di Ance, soprattutto per quanto riguarda la qualità progettuale, la trasparenza delle procedure e la rapidità attuativa.

L’idea del Concorso di progettazione scaturisce proprio dalle indicazioni di questi confronti e per questo, anche nell’immediato futuro, lanceremo altri importanti bandi per la progettazione di infrastrutture strategiche con analoghe modalità. Ovviamente – ha concluso il primo cittadino – questo della mobilità dolce e delle reti ciclabili è una scommessa che guarda al futuro della Città in un’ottica di salvaguardia e valorizzazione del contesto ambientale, integrata con una nuova idea del trasporto pubblico su rotaia e su gomma a cui stiamo lavorando concretamente per incentivare l’utilizzo”.

Progetto piste ciclabili a Catania: gli sviluppi

Il Concorso di Progettazione, un indirizzo a cui è orientata l’Amministrazione Comunale anche per altre opere, garantisce tempi certi di realizzazione secondo un rigido crono-programma e di selezionare la migliore proposta progettuale. La realizzazione delle piste ciclabili si inquadra all’interno di una strategia integrata, rivolta essenzialmente a privilegiare le interconnessioni con gli altri sistemi di mobilità urbana pubblica e privata.

L’obiettivo è quello di realizzare, entro il 2023, nuove piste ciclabili poste nelle direttrici principali di attraversamento della città e adeguare quelle già esistenti, ma non collegate o diventate poco fruibili.

Si tratta di una svolta per la mobilità della città di Catania – dichiara l’assessore Parisi -, in un’ottica sostenibile e integralmente green. Un traguardo ambizioso che stiamo perseguendo con determinazione e un lavoro certosino a vari livelli di complessità, per cui rivolgo un ringraziamento sincero agli Ordini Professionali, ad ANCE, alle Associazioni ambientaliste e dei ciclo amatori che hanno fattivamente contribuito.

Un sentito ringraziamento va allo staff della Direzione Politiche Comunitarie con in testa il Direttore Fabio Finocchiaro e i funzionari comunali di Alta professionalità Carmelo Coco e Gianluca Emmi e del geometra Elio Maccarrone – conclude -, ma anche all’assessore alla mobilità Pippo Arcidiacono con cui abbiamo lavorato in sintonia e che curerà più direttamente le successive fasi, in linea alle impostazioni del Pums in fase di redazione“.

Catania live: il percorso delle piste ciclabili

L’intervento interessa diverse arterie stradali della città sia del centro storico sia dell’area esterna alla cintura urbana, per conciliare il diritto allo spostamento con l’esigenza di ridurre l’inquinamento e le emissioni, ma anche decongestionare il traffico urbano e l’incidentalità, offrendo una mobilità “alternativa” ai pedoni e a chi utilizza la bicicletta.

In linea alle esperienze maturate in altri contesti urbani europei, avverrà sul sedime stradale, per avere finalmente anche a Catania una rete ciclabile effettiva, moderna e soprattutto utilizzabile per gli spostamenti. Esemplificativa è la pista ciclabile da realizzare nelle confluenza tra il territorio comunale di Aci Castello e Piazza Mancini Battaglia (circa 1,5 chilometri) da cui parte l’esistente percorso per le biciclette del lungomare di Catania, fino a giungere al Viale Kennedy della Playa, avendo la disponibilità di corsie stradali ampie e connettendo quella già esistente, ma non utilizzata, che da piazza Stesicoro si collega alla Stazione centrale. Altro punto di attenzione è l’aggancio alla rete ciclistica regionale “Magna Grecia” in fase di realizzazione, che interesserà alcuni tratti in ingresso e uscita dalla città.

Prcorso piste ciclabili a Catania
Il percorso delle piste ciclabili da realizzare.

L’intento dell’amministrazione Pogliese, in sostanza, è quello di creare una rete ciclabile cittadina che sia un’infrastruttura integrata con i nodi di interscambio quali metropolitana, ferrovia, bus, BRT, aeroporto, parcheggi, bike sharing, coniugando sicurezza e innovazione.

Come riconoscimento del raggiungimento di questi obiettivi progettuali strategici, la procedura seguita per l’attuazione del progetto e in particolare la modalità del tavolo di confronto “Catania mobility Lab” con le associazioni del territorio e la proficua partnership con gli Ordini Professionali e l’Ance, è stata premiata tra le Best Practices del Forum Ecosistema Urbano tenutosi il 28 ottobre scorso a Milano, a cura di Legambiente in collaborazione con il Sole 24 ore e Ambiente Italia.